XBOX

Halo Infinite: anche The Coalition avrebbe aiutato con lo sviluppo

Sembra che diversi sviluppatori di The Coalition abbiano aiutato 343 Industries nel corso dell'ultimo periodo.

Sappiamo che sono stati confermati nel corso del team diversi team aggiuntivi per aiutare lo sviluppo di Halo Infinite, il nuovo capitolo della serie sparatutto in prima persona sotto la responsabilità di 343 Industries. Tra questi team che aiuteranno i lavori sul videogioco figurano ufficialmente SkyBox Labs, Sperasoft e Certain Affinity.

Ebbene, sembra che anche un altro team si sia aggiunto in un certo senso in supporto a 343 Industries, anche se in maniera forse minore rispetto a quelli citato poc’anzi, ma comunque significativa. Stiamo parlando proprio di The Coalition, team responsabile della serie sparatutto in terza persona nota come Gears.

Stando alle informazioni che è possibile raccogliere tramite il social network di LinkedIn, almeno due membri di The Coalition sono stati impegnati anche nei lavori su Halo Infinite. Adam Bodden sarebbe stato infatti Level Artist per Gears 5, Gears 5: Hivebusters e anche Halo Infinite, mentre ora si trova in Electronic Arts.

Un altro sviluppatore è Hugo Gutierrez Mares, VFX Artist presso The Coalition che però dichiara di aver lavorato anche per le cinematiche e per la campagna di Halo Infinite, oltre che per la campagna e modalità Escape di Gears 5. Anche lui si trova ora presso un altro studio di sviluppo, ossia Tuatara. Potete trovare alcuni screenshot del suo curriculum esattamente qui sotto.

Molto probabilmente ci sono stati tanti altri sviluppatori ad aver contribuito ad aiutare 343 Industries nel corso del tempo dall’interno di The Coalition, ma per il momento vengono segnalate solo queste due personalità dall’informato e attento insider Timur222.

Tra l’altro, segnaliamo che secondo l’insider Klobrille The Coaltion sarebbe al lavoro su un videogioco spin-off della serie Gears of War, per via delle sue ormai grandi dimensioni e capacità di gestire diversi progetti contemporaneamente.

Insomma, voi cosa ne pensate di questo modo di gestire i team e lo sviluppo dei videogiochi?