Cosplay

God of War: Raahega firma un impressionante cosplay della Valchiria Kara

Questo cosplay ha chiesto oltre 500 ore di lavoro.

In attesa che il pubblico possa finalmente gustarsi il nuovo capitolo di God of War, provvisoriamente chiamato Ragnarok, in questo articolo vogliamo condividere con voi un nuovo impressionante cosplay dedicato ad uno dei nemici più importanti, carismatici ed iconici di God of War (2018), nuova esclusiva PlayStation 4 che ha proposto al pubblico una storia matura ed intima, fatta di crescita personale e voglia di amarsi ed amare. Questi nemici in questione altri non sono che le Valchirie.

La nuova avventura con protagonista Kratos ed Atreus si è infatti contraddistinta per la presenza di nemici molto ben caratterizzati, dove tra Dei, semi divinità e troll vari ecco a stagliarsi nel cielo le splendide, imponenti e bellissime Valchirie, nemiche queste non soltanto potentissime ed eleganti, ma anche terribilmente intelligenti e dotate di gran senso dell’onore.

God-of-War

Tra queste non possiamo che segnalare Valkyrie Kara, una delle nove Valchirie affrontabili come boss opzionale all’interno dell’ultimo capitolo di God of War. Vista l’importanza che ricopre questo potente nemico all’interno del racconto del gioco, la cosplayer Raahega ha pubblicato su Reddit il suo nuovo cosplay dedicato all’imponente Kara.

Rahega afferma che per realizzare questo cosplay ha impiegato più di 500 ore per assemblarlo, cosa questa che appare abbastanza palese vedendo l’imponenza del suo lavoro. Inoltre la modella ha addirittura dipinto a mano le imponenti ali che si stagliano verso il cielo.
Eccovi le foto che mostrano questo impressionante lavoro della cosplayer Raahega:

Allora cosa ve ne pare di questo nuovo cosplay? Vi piace oppure vi ha lasciato piuttosto indifferenti? Fateci sapere la vostra opinione con un commento attraverso i nostri canali social.

Se anche voi siete fan del mondo del cosplay date un’occhiata ai migliori cosplay di Dimitrescu, mentre al seguente link trovate il nuovo lavoro di Leon Chiro dedicato allo scorbutico Bakugou.