Game Experience
LIVE

Quantic Dream sta per essere acquisita da NetEase?

Ne è convinto Tom Henderson!

Questo 2022 è partito subito con il proverbiale botto, con tante aziende legate al mondo dei videogiochi che hanno effettuato importanti acquisizioni. Ma stando ad una nuova indiscrezione, presto anche Quantic Dream potrebbe essere ufficialmente acquisita da un grosso publisher.

Difatti l’anno in corso potrebbe presto vedere concludersi con efficacia una nuova acquisizione, dopo che nelle scorse settimane Microsoft ha messo le mani su Activision Blizzard, a fronte di un investimento di circa 70 miliardi di dollari, oppure Sony Interactive Entertainment che ha acquisito Bungie per 3,6 miliardi di dollari.

Ma i movimenti di mercato potrebbero non essere ancora finiti qua, con Tom Henderson che ha svelato come stando alcune sue fonti, NetEase, la società cinese di tecnologia Internet acquisirà il 100% di Quantic Dream, con un annuncio che dovrebbe arrivare nel corso di quest’estate.

Il celeberrimo insider, nonché giornalista del mondo dei videogiochi, ha fornito ulteriori dettagli in merito a questa ipotetica nuova acquisizione, affermando come la società cinese di cui sopra abbia acquistato una quota di minoranza del team di sviluppo francese, capitanato da David Cage, nel corso del 2019 per “sostenere la visione del team così da diventare una società di intrattenimento globale e multi-franchise e per sviluppare tecnologie e giochi avanzati per il futuro“.

E per il buon Henderson questo era già un chiaro segnale del fermo interesso di NetEase di acquisire negli anni il 100% di Quantic Dream, con le trattative che sono andate avanti per mesi e mesi seppur non è ancora chiaro se l’accordo sia stato finalizzato o meno effettivamente al 100%.

Quantic Dream potrebbe presto essere acquista dall’azienda cinese

Tom Henderson ha poi svelato come stando a quanto gli è stato rivelato da alcune fonti, rimaste volutamente anonime, è stata la stessa Quantic Dream a cercare di essere completamente acquisita, desiderio questo che ha preso forma in particolar modo nel momento in cui è scaduto l’accordo di tre giochi esclusivi con Sony Interactive Entertainment dopo l’uscita di Detroit: Become Human, avvenuto nel corso del 2018.

Ma il ricco e corposo report del noto insider non termina qua, evidenziando come il team di sviluppo francese si era rivolto a diverse società in passato, così da ottenere dei fondi necessari per sviluppare come in modo ottimale “Project Karma“, un gioco di esplorazione spaziale Tripla A. Questo titolo è poi diventato Star Wars Eclipse, annunciato a dicembre 2021.

Ovviamente in merito a questa vicenda hanno influito in modo importante le imponenti polemiche che hanno colpito Quantic Dream negli ultimi anni, con accuse di problemi sul posto di lavoro, tra cui molestie sessuali, crisi e cultura del lavoro tossica.

E stando a quanto riferito da più fonti, questa terribile situazione ha causato dei problemi di assunzione per lo studio, con Tom Henderson che evidenzia proprio in tal senso come lo studio abbia avuto diverse nuove posizioni di lavoro, aperte da oltre due anni e tutt’ora attive.

Detto questo, NetEase non è estranea all’acquisizione di studi di videogiochi, con la società che ha acquisito in passato Grasshopper Manufacture, studio dietro i franchise di Killer7, No More Heroes e Lollipop Chainsaw.

Inoltre le fonti di Henderson hanno svelato che l’attuale accordo tra NetEase e Quantic Dream sembrerebbe essere simile a quello siglato con Grasshopper, con l’azienda cinese che fornisce il supporto (principalmente economico) di cui lo studio ha bisogno per “dare vita a Star Wars Eclipse“.

NetEase non ha voluto commentare questo report, ma ha riconosciuto la convenienza di un’eventuale acquisizione di questo tipo.

Quantic-Dream-NetEase
Fonte: Exputer

Articoli correlati

Alberto Rossi

Alberto Rossi

Videogioco praticamente da sempre, con il desiderio inesauribile di vivere fantastiche avventure in mondi affascinanti, potendo in questo modo assaporare quella splendida sensazione di libertà che mi è stata preclusa nella vita reale. E poi diciamocelo chiaramente: videogiocare su una sedia a rotelle è decisamente comodo!

Condividi