NOTIZIE

Microsoft, Nintendo e PlayStation: ecco le compagnie di videogiochi più innovative del 2021

Con l’avvento della next gen, i videogiochi hanno raggiunto, e raggiungeranno ancora di più nel corso della generazione, un livello di fotorealismo e immersività che era inimagginabile fino a qualche anno fa. Tra la grafica altamente fotorealistica, il ray tracing e le features introdotte dal Dualsense di PlayStation 5, il mondo del gaming potrebbe davvero fare un passo in avanti notevole. Tuttavia, nel corso dell’ultimo periodo, l’innovazione non è arrivata solo in termini grafici ma anche, e soprattutto dal punto di vista dei servizi offerti. Fino a qualche anno fa chi avrebbe immaginato l’esistenza di un “Netflix dei videogiochi“? Attualmente, il Game Pass di Microsoft è una delle innovazioni più interessanti per noi videogiocatori.

Fastcompany.com ha stilato una top 10 delle compagnie videoludiche più innovative dell’anno. Vediamola insieme nel dettaglio:

microsoft most innovative

1. Microsoft: Microsoft nell’ultimo periodo non ha solo lanciato una console next gen. Ha soprattutto potenziato le sue infrastrutture per rende possibile giocare i giochi del catalogo del Game Pass ovunque, in qualsiasi momento e su qualsiasi dispositivo. Senza contare le acquisizione che ha compiuto, Bethesda per ultima, che sicuramente contribuiranno ad aumentare l’offerta del catalogo del “Netflix dei videogame“.

2. Sony Interactive Entertainment: A Sony PlayStation viene riconosciuta invece, oltre alle migliorie introdotte dalla potenza della console next gen, le features del suo nuovo controller, il Dualsense. Esso permette ai giocatori, attraverso il feedback aptico e i trigger adattivi, di riconoscere il tipo di terreno che si sta calpestando, di sentire la tensione di un arco che si tende o di un grilletto di un’arma che viene premuto. Oltre all’hardware, degno di nota anche il software. Nel corso dell’anno gli studi first party hanno dato vita a storie che sono entrate nei cuori dei fan. Inoltre The Last of Us Parte II ha aggiunto opzioni di accessibilità per rendere il gioco fruibile a categorie di persone con disabilità.

3. Nvidia: È grazie a Nvidia e alle sue GPU se gli sviluppatori di Sony e Microsoft possono creare gioco con un livello di fotorealismo altissimo. Le schede video della serie RTX 30 hanno ridotto ancora la differenza tra film e videogioco.

4. Nintendo: Nintendo con la su Switch e i suoi titoli è stata per molti una via di fuga durante la quarantena provocata dalla pandemia del Covid-19. Animal Crossing infatti potrebbe essere considerato come il passatempo ufficiale per quei periodi, un modo per vivere momenti spensierati e colorati durante un periodo non troppo felice.

5. Dapper Labs: A Dapper Labs viene riconosciuta l’idea di legare blockchain e i collezionabili. Durante l’anno hanno infatti lanciato NBA Top Shot, un “gioco” in cui poter collezionare momenti, highlights dei giocatori della NBA utilizzando la tecnologia blockchain.

6. Fnatic: Ai Fnatic viene riconosciuta l’abilità di aver portato i team eSports a un livello superiore. Infatti oltre alle numerose vittore dei suoi giocatori professionisti e il merchandising ufficiale, sono riusciti a fare sbarcare il gaming nella moda, creando delle partnership con marchi importanti come Gucci.

7. FaZe Clan: Ai Faze viene invece riconosciuta, oltre all’abilità dei suoi giocatori, l’idea di raggiungere un bacino di utenza maggiore, usando usando clip su Tiktok, podcast su Spotify, video su Youtube, fino a un vero e proprio film chiamato Crimson.

8. Herman Miller: Herman Miller è il padre della prima sedia ufficiale da gaming. La Herman Miller X Logitech G Embody è una sedia buona per chiunque. Il design è basato sulle sedie Embody, originariamente ideate per il lavoro in ufficio. Collaborando con Logitech, Herman Miller ha dunque modificato questo progetto, per creare la sedia ideale di ogni gamer.

9. Hollow Ponds: A Hollow Ponds, sviluppatore inglese, viene riconosciuta l’abilità di creare storie delicate e bizzarre capaci di lasciare il segno con un’anima semplice e spensierata, passando da I Am Dead a Wilmot’s Warehouse

10. Drest: Se parliamo di alta moda e videogiochi, Drest non può non essere nominato. Drest, è un gioco mobile che dà ai giocatori un budget, una sfida e un armadio virtuale che include veri pezzi di collezioni di brand come Gucci e Prada. I giocatori possono così creare degli outfit che poi verrano valutato da altri giocatori per cercare di vincere budget superiori e personalizzazioni migliori.

Fateci sapere cosa ne pensate di questa top 10. Voi avreste aggiunto qualcun altro? Chi? Scrivetecelo nei commenti-