Game Experience
LIVE

Il director di Halo Infinite si esprime sull’assenza della cooperativa al lancio

Joseph Staten ha voluto spiegare i motivi dietro a questa difficile decisione da parte di 343 Industries.

Mentre il comparto multiplayer free-to-play è già disponibile per tutti i giocatori, la campagna di Halo Infinite arriverà soltanto l’8 dicembre 2021 con l’assenza della modalità cooperativa.

In pratica, la campagna dello sparatutto in prima persona fantascientifico sarà giocabile solamente in giocatore singolo, almeno per un periodo di tempo post-lancio non meglio specificato ma sicuramente lungo.

Dopo il multiplayer uscito senza Fucina, senza alcune modalità importanti e con un sistema di progressione controverso, ora anche la campagna uscirà con una funzionalità in meno, cioè la co-op. Ovviamente queste decisioni non hanno fatto piacere a diversi giocatori.

Stando a quanto dichiarato da 343 Industries, la cooperativa per la campagna arriverà non prima di maggio 2022 e la modalità Fucina non prima di almeno tre mesi ulteriori. A maggio 2022, infatti, dovrebbe concludersi la Stagione 1 del multigiocatore e quindi del primo Battle Pass.

HALO INFINITE

Ebbene, parlando con quelli del portale IGN, l’head of creative Joseph Staten ha parlato delle motivazioni dietro a scelta particolare decisione da parte del team di sviluppo. Secondo il membro chiave dello studio la decisione è stata veramente “difficile da prendere” e dimostra l’intento di 343 Industries di “consegnare le esperienze soltanto quando sono pronte“.

Lavoro su Halo ma sono ancora un fan di Halo. E la campagna co-op è essenziale per l’esperienza. Giocare Halo con i tuoi amici è giocare Halo, che sia il multiplayer o la campagna. Perciò tra tutte le decisioni più difficili che abbiamo preso, rinviare la co-op è stato davvero, davvero difficile.

Ma questo dimostra l’intento dello studio, anche nella complessità e nella sofferenza, di consegnare le esperienze solo quando sono di qualità. E questo è molto importante per qualsiasi franchise, quindi anche per un franchise come Halo che esiste da 20 anni.

Se non manteniamo alta l’asticella, se non ci dedichiamo all’eccellenza ogni volta che lanciamo qualcosa per la gioia dei consumatori, se non ci manteniamo al pari delle aspettative e idealmente addirittura se non le superiamo, allora non penso che stiamo facendo il lavoro bene. E la semplice realtà è che la co-op non era pronta. E noi abbiamo deciso di priorizzare il nostro impegno in altre aree.

[assicurarsi che il gioco girasse bene su ogni piattaforma] è stato un obiettivo più importante del consegnare subito la co-op. È stato difficile. Ma penso che se guardate a queste eventuali decisioni dal punto di vista e con la mentalità del consumatore, viene chiaro capire quale decisione sia effettivamente la migliore, anche se fa male.

Qui sotto trovate riportata tutta la video-intervista che abbiamo preso in considerazione.

Che ne pensate delle dichiarazioni di Staten? Ricordiamo che la campagna di Halo Infinite sarà disponibile dall’8 dicembre per PC Windows 10/11, Xbox One e Xbox Series X|S (+ Xbox Game Pass).

Articoli correlati

Simone Balboni

Simone Balboni

Sono soltanto un videogiocatore pieno di passione, ho in casa solo 14 console e 3 PC, ma nessuno di questi fa girare Quake Champions. Nel frattempo mi diletto su server competitivi alla ricerca di una buona Tripla Uccisione.

Condividi