Game Experience
LIVE

Electronic Arts è favorevole alla pubblicità nei free-to-play, “se fatta bene”

"C'è posto per la pubblicità, se fatta bene"

Andrew Wilson, amministratore delegato di Electronic Arts, ha risposto alle domande sull’introduzione di pubblicità all’interno dei giochi, affermando: “C’è posto per la pubblicità, se fatta bene”.

Durante la telefonata per i guadagni del quarto trimestre del 2022 di Electronic Arts, l’argomento della pubblicità all’interno del gioco è stato sollevato in seguito alle notizie secondo cui PlayStation e Xbox stanno incrementando le proprie campagne pubblicitarie all’interno dei videogiochi, in particolare per i titoli free-to-play. In risposta, Wilson ha dichiarato che l’azienda vuole “assicurarsi che l’esperienza del giocatore sia la migliore possibile”, aggiungendo di aver testato vari modelli nel corso del tempo, mentre “alcuni sono continuati e altri sono stati interrotti sulla base del mantenimento della migliore esperienza del giocatore possibile”.

“Quello che abbiamo visto in generale nei media di intrattenimento e anche nei giochi, in particolare nei giochi per cellulari, è che c’è un posto per la pubblicità, se fatta bene. E c’è una parte della community che, se gli viene data la possibilità di scegliere, partecipa alla pubblicità quando questa va a vantaggio della sua esperienza di gioco.”

Non solo Electronic Arts

Ad aprile è stato riferito che Microsoft stava sviluppando un programma che avrebbe portato la pubblicità all’interno dei giochi free-to-play su Xbox. L’obiettivo di questo programma è quello di fornire un flusso di entrate agli sviluppatori. In passato Electronic Arts ha sperimentato la pubblicità nei giochi non free-to-play, come nel caso di Battlefield 2042 con i famigerati cartelloni pubblicitari, a cui i giocatori hanno reagito male.

All’epoca, l’azienda aveva risposto a queste notizie dicendo: “Siamo sempre alla ricerca di modi per migliorare l’esperienza dei giocatori e degli sviluppatori, ma non abbiamo altro da condividere”.

Electronic Arts-1

Vi ricordiamo che al momento nessun publisher dell’industria videoludica ha confermato la propria intenzione di introdurre gli annunci pubblicitari all’interno dei titoli free-to-play per PC e console, tuttavia sembra che sempre più leader del mercato ci stiano facendo un pensiero al riguardo.

Fonte: Twitter

Articoli correlati

Oskar Heise

Oskar Heise

Amante di esperienze Singleplayer, indipendentemente dal genere di appartenenza. Quando sono stanco, faccio riposare l'anima sedendomi affianco a falò provenienti dal Giappone o cerco di non classificarmi ultimo in una partita online. Allergico a qualsiasi forma di console war.

Condividi