Game Experience
LIVE

Elden Ring, un glitch permette di sparare magie invisibili

Il glitch sta rovinando il PvP

I giocatori di Elden Ring hanno scoperto quello che sembra essere un glitch per uccidere i nemici con proiettili magici invisibili. Il glitch coinvolge la Carian Retaliation Ash of War che, se applicata a uno scudo, permette ai giocatori di parare i proiettili magici. Fin qui, tutto normale.

Tuttavia, come riportato da Kotaku, l’abilità può essere utilizzata anche per parare gli attacchi magici del giocatore stesso, che non solo diventano invisibili, ma scalano con il livello di aggiornamento dello scudo per un danno enorme. Questo va bene contro la lega di boss del gioco, ma i giocatori stanno usando questo (apparente) glitch nel gioco online per distruggere i giocatori rivali. E poiché l’attacco è invisibile, è quasi impossibile da schivare.

Questo video dello YouTuber JellyDiscrete– mostra la parata in azione:

In una recente patch, FromSoftware ha risolto un bug simile in cui i giocatori possono attivare l’abilità dell’arma Erdtree Greatshield senza assorbire un attacco. I giocatori sperano che faccia lo stesso con Carian Retaliation.

Elden-Ring_2

La nostra Recensione di Elden Ring

Se siete interessati, potete trovare la nostra recensione di Elden Ring a questo link.

Elden Ring è un videogioco incredibile. Il viaggio nell’Interregno è una delle migliori esperienze che l’intero medium abbia mai visto, caratterizzato da una grande vastità e da un’ancor più grande voglia di esplorare fino all’ultimo angolo del mondo di gioco. La quantità di cose da fare è corposa a tal punto da mettersi le mani nei capelli per poi riportarle sul pad e vedere sempre di più. Il sistema di combattimento che ha reso From Software meritevole della sua fama, è ulteriormente ridefinito, presentando alternative per ogni tipo di giocatore, e seppur la difficoltà sia ai massimi livelli, non mancano idee per chi non vuole perdere la pazienza contro un boss.

Fonte: Kotaku

Articoli correlati

Oskar Heise

Oskar Heise

Amante di esperienze Singleplayer, indipendentemente dal genere di appartenenza. Quando sono stanco, faccio riposare l'anima sedendomi affianco a falò provenienti dal Giappone o cerco di non classificarmi ultimo in una partita online. Allergico a qualsiasi forma di console war.

Condividi