NOTIZIE

Activision smentisce i report sui licenziamenti di Toys For Bob

Activision in un comunicato ufficiale ha smentito i recenti report dei licenziamenti all'interno di Toys For Bob.

In un precedente report di questa settimana, vi abbiamo segnalato una notizia riguardante diversi licenziamenti ed un dirottamento dello studio di proprietà di Activision, Toys For Bob, la software house che ha ridato vita alle serie di Crash Bandicoot con la N’Sane Trilogy e con il nuovo capitolo del franchise uscito lo scorso anno, It’s About Time, senza dimenticare anche la serie del draghetto viola, Spyro, con la Reignited Trilogy, sempre realizzata dallo stesso studio con sede in California.

spyro crash

Come indicato nella notizia precedente alcuni sviluppatori hanno lasciato lo studio a seguito del dirottamento di una parte di esso come team di supporto per il famoso battle royale di Call of Duty: Warzone, in realtà a quanto pare non ci sono stati dei licenziamenti nel team, a tal proposito infatti Activision a seguito del diffondersi della notizia, ha pubblicato un comunicato in cui afferma:

“I report sui licenziamenti a Toys For Bob sono incorretti, non c’è stata una riduzione del personale recentemente nello studio, il team di sviluppo è pienamente operativo ed ha un diverso numero di posizioni aperte di lavoro a tempo pieno, lo studio è entusiasta di continuare a supportare Crash Bandicoot: It’s About Time, e più recentemente fornire ulteriore supporto per lo sviluppo di Call of Duty: Warzone”.

Activision

Tuttavia, potremmo immaginare, che anche questo ridimensionamento del team di sviluppo ha avuto una sua voce in capitolo nella questione, seppur come indicato in un tweet di uno degli sviluppatori che ha lasciato lo studio di recente, chi lo ha fatto, è rimasto comunque in buoni rapporti con Activision, dunque non si tratta di un licenziamento, come giustamente l’azienda ha espresso nel comunicato. Resta il fatto che tutti gli studi di Activision, sono a lavoro sulla serie di Call of Duty in qualche modo, ed è qualcosa di piuttosto ragionevole, se consideriamo che lo sparatutto è ora al terzo posto nella classifica delle serie più vendute nella storia dei videogiochi, dopo aver raggiunto le 400 milioni di copie vendute globalmente, da quando è stato creato il franchise, nel 2003.