Game Experience
LIVE

A Plague Tale: Requiem gira solo a 30fps su console? Le informazioni sono poco chiare

Facciamo chiarezza in merito al framerate del gioco.

In seguito all’annuncio di Warner Bros. Games riguardante l’assenza di una modalità a 60fps per Gotham Knights, in rete si è iniziato a discutere anche di A Plague Tale: Requiem, nuovo titolo ad opera di Asobo Studio che è in arrivo sul mercato di tutto il mondo tra ormai appena un paio di giorni, precisamente dalla giornata del 18 Ottobre 2022 su PlayStation 5, Xbox Series X|S e PC.

Facciamo chiarezza in merito al framerate di A Plague Tale: Requiem

E stando a quanto dichiarato dall’utente di Twitter eXtas1stv, che è riuscito a mettere le mani in leggero anticipo ad una copia del gioco, anche il nuovo capitolo della serie gira solo a 30 fps su console, visto che proprio come avvenuto con Gotham Knights anche in questo caso è totalmente assente la modalità performance dedicata ai 60 fps.

Ma in realtà le cose non parrebbero stare proprio così, visto che stando ad un articolo del noto portale online Twisted Voxel, A Plague Tale: Requiem punta ai 60 fotogrammi al secondo sia su PS5 che su Xbox Series X.

Difatti stando a quanto hanno dichiarato, in realtà l’utente eXtas1stv non ha potuto gustarsi questa modalità a 60fps perché è stata introdotta soltanto in queste ore dal team di sviluppo attraverso una patch dedicata, visto che il lancio ufficiale del gioco non è ancora avvenuto.

Detto questo, stando alle prove effettuate da Twisted Voxel, A Plague Tale: Requiem presente dei cali di frame rate, anche con la patch del D1 installata. Proprio per questo quindi non è abbastanza stabile a 60 fps, ma nonostante questo è ben al di sopra dei 30 fps.

A Plague Tale Requiem
Fonte: Twisted Voxel

Articoli correlati

Alberto Rossi

Alberto Rossi

Videogioco praticamente da sempre, con il desiderio inesauribile di vivere fantastiche avventure in mondi affascinanti, potendo in questo modo assaporare quella splendida sensazione di libertà che mi è stata preclusa nella vita reale. E poi diciamocelo chiaramente: videogiocare su una sedia a rotelle è decisamente comodo!

Condividi