Game Experience
LIVE

Xbox Game Studios: in 5 anni sono passati da 6 a 32 team di sviluppo

La crescita della divisione gaming di Microsoft è stata esponenziale.

Il 18 gennaio 2022 sarà ricordato nei prossimi anni come il giorno che ha cambiato per sempre il mondo dei videogiochi, con Microsoft che ha annunciato ufficialmente di aver acquisito l’intera Activision Blizzard e tutte le IP in possesso del gigantesco publisher americano, così da arricchire la divisione gaming Xbox.

L’acquisizione di cui sopra è stata realizzata dal colosso di Redmond per un assegno (ovviamente metaforico) di circa 70 miliardi di dollari, con gli Xbox Game Studios che grazie a questa mossa inaspettata ed imponente potranno presto arricchirsi di una grandissima quantità di team di sviluppo.

E proprio in tal senso in queste ore il noto ed apprezzato analista del mondo di videogiochi, Benji Sales, ha pubblicato un nuovo tweet dove è andato a svelare un dettaglio che rende subito chiaro in un istante l’incredibile crescita di cui si è resa protagonista la divisione gaming di Microsoft in questi ultimi mesi.

Entrando nello specifico della questione infatti, in circa cinque anni gli Xbox Game Studios sono passati da 6 a 32 team.
Eccovi qui sotto il nuovo cinguettio pubblicato da Benji Sales:

Penso che nessuna statistica mostri così bene quanto sia stata aggressiva Microsoft nelle acquisizioni / crescita degli studi come questa (ed è francamente incredibile):

  • Numero di studi Xbox nel 2017 – 6
  • Numero di studi Xbox dopo l’acquisizione di Activision Blizzard – 32

Giunti alla fine di questo articolo, vi consigliamo di cliccare al seguente link per scoprire alcune delle tante IP sulle quali Microsoft ha messo le mani ieri acquisendo Activision Blizzard.

Fonte: Twitter

Articoli correlati

Alberto Rossi

Alberto Rossi

Videogioco praticamente da sempre, con il desiderio inesauribile di vivere fantastiche avventure in mondi affascinanti, potendo in questo modo assaporare quella splendida sensazione di libertà che mi è stata preclusa nella vita reale. E poi diciamocelo chiaramente: videogiocare su una sedia a rotelle è decisamente comodo!

Condividi