Game Experience
LIVE

Project Awakening torna a mostrarsi e rasenta il fotorealismo con il Cyllista Engine

Il team di sviluppo torna a mostrare il gioco.

Nel corso di questa giornata di metà novembre Cygames ha tenuto un panel nel corso della Tech Conference, così da discutere del Cyllista Game Engine che altri non è che il motore grafico che farà da sfondo al loro nuovo JRPG, dal nome in codice Project Awakening.

Questo breve teaser mette in mostra un motore grafico all’avanguardia, capace di mettere in scena un mondo aperto del gioco credibile e che rasenta il fotorealismo, il tutto sublimato da alcune sequenze dove è possibile vedere in azione un sistema di creazione del terreno e del fogliame all’avanguardia.

Cygames ha inoltre affermato che il loro motore è orientato all’efficienza della produzione, consentendo la creazione e la modifica veloce del terreno su vasta scala, sia per le riprese ravvicinate che per quelle da lontano, e lo stesso vale per il fogliame.

Questo motore grafico presenta inoltre anche degli strumenti che consentono agli sviluppatori di aggiornare rapidamente il terreno direttamente nel gioco, oltre al posizionamento del fogliame. Il terreno è fatto di strati e sia l’inserimento procedurale che l’editing manuale sono a disposizione degli artisti.

Si segnalano inoltre degli strumenti per posizionare strade e fiumi, oltre al posizionamento delle decalcomanie. È inoltre disponibile un sistema “Mesh Stamp”, che consente agli artisti di posizionare qualsiasi forma di mesh sul terreno, dalle dimensioni di una montagna a quelle molto più piccole.

Vi ricordiamo infine che Project Awakening è stato originariamente annunciato per PS4, ma probabilmente ora Cygames lo rilascerà anche su PlayStation 5 oltre che su PS4, con l’anno di uscita però ancora avvolta totalmente nel mistero.

Eccovi qui di seguito il video di cui vi abbiamo parlato ampiamente in questo articolo, buona visione:

Continuate a seguirci per non perdervi altre notizie su questo gioco.

Fonte: Twinfinite

Articoli correlati

Alberto Rossi

Alberto Rossi

Nasco Nintendaro grazie al Super Nintendo per poi subìre la seduzione d'altri lidi, con monoliti neri e croci verdi. Per fortuna che ancora una volta arrivò Navi a dirmi: "Ehy listen..."

Condividi