Game Experience
LIVE

PlayStation App: una beta permette di condividere screenshot e clip PS5

Un nuovo update beta disponibile al momento solo per Giappone e Canada.

Sony ha annunciato, in un numero limitato di Paesi, un nuovo update beta per PlayStation App, grazie al quale gli utenti possono caricare, visualizzare e condividere screenshot e clip video registrati da PS5. Con questo nuovo richiestissimo update dell’applicazione, gli utenti potranno finalmente salvare e condividere tutto ciò che fanno mentre giocano.

PlayStation sta quindi lanciando un aggiornamento beta limitato per la sua app sui dispositivi mobili. Questa beta consente agli utenti di PS5 di caricare schermate e clip video, che possono essere visualizzati e condivisi tramite l’applicazione. Tuttavia, questa prova è attualmente disponibile solo in Giappone e Canada ed anche in questo caso, è solo per gli utenti iOS (con un aggiornamento Android previsto per il prossimo futuro).

Abilitando l’aggiornamento sull’app quindi, la tua PS5 collegata caricherà automaticamente screenshot e video salvati sulla tua console. Queste condivisioni rimarranno nel cloud per 14 giorni. Dopo essere state caricate, in questo lasso di tempo, tramite l’app, si può condividere o effettuare un download sul proprio dispositivo mobile. Tuttavia, c’è una limitazione all’acquisizione di video: le clip di gioco infatti devono avere una durata inferiore ai tre minuti e non essere acquisiti in 4K per essere caricati. Mentre per quanto riguarda l’immagini possono essere scattate solo tramite Create Menu o il pulsante Create. Non è escluso quindi che queste limitazioni vengano poi allargate in futuro, quando la novità sbarcherà anche in altri Paesi.

Sembra un buon aggiornamento per l’app PlayStation, che non riceve grandi modifiche o aggiunte da Sony da un bel po’ di tempo. 

Fonte: PUSH

Articoli correlati

Redazione

Redazione

Game-Experience.it è il portale dedicato all’informazione videoludica e tecnologica a trecentosessanta gradi. I nostri valori fondamentali sono la trasparenza, l’oggettività e la cura nel dettaglio.

Condividi