Game Experience
LIVE

Halo Infinite ha fatto “tornare la magia di Halo”, afferma il papà della serie

Marcus Lehto, il designer originale di Master Chief nonché uno dei principali autori dell’intera serie, ha affermato di aver apprezzato (e non poco) il recente Halo Infinite. Dopo aver giocato alla campagna durante le vacanze natalizie, Lehto ha affermato che questa è stata capace di “riportare indietro la magia di Halo“.

Eccovi qui di seguito il loro messaggio:

“Un salutone ai miei amici al 343 Industries. La campagna di Halo Infinite riporta in auge la magia di Halo. Mi sto davvero divertendo con il Chief! Però ho una certa difficoltà nel capire le priorità degli obiettivi sulla mappa di Halo Infinite. Problema comune oppure si tratta di un problema “OK Boomer?”.”

Insomma sì, la Campagna singolo giocatore di Infinite ha convinto il buon Letho, seppur abbia riscontrato dei “problemi” riguardanti la struttura del mondo di gioco aperto, con gli obiettivi presenti sulla vasta mappa che (a suo avviso) non sono propriamente chiarissimi. Però proprio riguardo a quest’ultimo contrattempo lo sviluppatore ci ha tenuto a specificare che si è trattata di un’esperienza puramente personale, con tanto di battuta ed emoticon che ride riguardo la sua età non più giovanissima.

Comunque, per chi non lo conoscesse, Marcus Lehto ha lavorato all’originale Halo: Combat Evolved come art director ed è il co-creatore dell’intero universo di Halo. Ha lavorato ai sequel di Halo presso Bungie prima di lasciare il team di sviluppo per avviare il suo studio, V1 Interactive, per pubblicare poi il primo gioco, Disintegration, prima di chiedere tristemente. Lehto è ora un game director presso un nuovo studio di Electronic Arts a Seattle per realizzare nuovi componenti narrativi per la serie di Battlefield.

Fonte: GameSpot

Articoli correlati

Alberto Rossi

Alberto Rossi

Videogioco praticamente da sempre, con il desiderio inesauribile di vivere fantastiche avventure in mondi affascinanti, potendo in questo modo assaporare quella splendida sensazione di libertà che mi è stata preclusa nella vita reale. E poi diciamocelo chiaramente: videogiocare su una sedia a rotelle è decisamente comodo!

Condividi