Game Experience
LIVE

Gli streamer di Twitch organizzano un giorno di scipero contro i raid d’odio

Alcuni streamer vogliono dire no all'odio!

I creatori di contenuti su Twitch stanno pianificando uno sciopero che andrà avanti per un giorno intero, con l’obiettivo di inviare un messaggio chiaro e preciso alla dirigenza della celebre piattaforma di streaming di Amazon. Difatti queste star del web vogliono inviare il più classico dei proverbiali messaggi di aiuto nei confronti del servizio di streaming, chiedendo che la piattaforma viola supporti meglio gli streamer che vengono spesso e volentieri dissati ed attaccati mentre lavorano.

Questa protesta verrà contraddistinta dall’hashtag #ADayOffTwitch, con i manifestanti che sperano che rifiutandosi di accedere (in particolar modo nel caso dei fan), e di conseguenza a prendere parte a live streaming in quel di Twitch durante la giornata del 1° settembre, questa situazione possa avere conseguenze negative per la borsa della piattaforma di proprietà di Amazon.

Secondo loro questo gli basterà per ottenere finalmente le attenzioni dei dirigenti della piattaforma di streaming, così da poter chiedere finalmente chedere di essere supportati in modo molto migliore e ben più approfondito rispetto al passato, così da non essere più oggetto degli ormai celeberrimi attacchi di odio da parte di una fetta fastidiosa di fan.

L’idea del boicottaggio viene da Rek It Raven, LuciaEverBlack e Shineypen, streamer questi che insieme stanno cercando di convincere altri colleghi e persino spettatori di Twitch a fare lo stesso.

“Abbiamo visto un sacco di segnalazioni sull’uso di bot, raid d’odio e altre forme di molestie che colpiscono i creator più marginalizzati. Ci state chiedendo di fare di meglio e sappiamo che dobbiamo fare di più per correggere questi problemi. Questo include un dialogo aperto e continuo sulla sicurezza dei creator”.

Proprio riguardo all’odio dilagante da una parte i fetta di pubblico sul web, nei giorni scorsi Hasan Piker, noto come hasanabi in quel di Twitch, ha comprato una casa a West Hollywood per sé e la sua famiglia spendendo circa 3 milioni di dollari. E questa decisione ha attirato una gran quantità di commenti negativi e carichi di odio dei fan nei confronti dello streamer.

Fonte: Eurogamer.net

Articoli correlati

Alberto Rossi

Alberto Rossi

Nasco Nintendaro grazie al Super Nintendo per poi subìre la seduzione d'altri lidi, con monoliti neri e croci verdi. Per fortuna che ancora una volta arrivò Navi a dirmi: "Ehy listen..."

Condividi