Game Experience
LIVE

Ghostwire: Tokyo, Digital Foundry analizza tutte le modalità grafiche di PS5

La rubrica tecnologica di Eurogamer.net ha valutato la situazione decisamente particolare di Ghostwire: Tokyo.

Ghostwire: Tokyo è da poco disponibile all’acquisto per le piattaforme PC Microsoft Windows e console next-gen PS5, e quelli di Digital Foundry non hanno perso tempo per pubblicare la loro analisi dettagliata del comparto tecnico del gioco.

Quelli della nota rubrica tecnologica si sono così fiondati sull’analisi di tutte e 6 le modalità grafiche presenti all’interno del videogioco in versione PlayStation 5, anche se poi diventano 10 considerando le differenze tra 60Hz/120Hz su quattro di queste modalità.

Il titolo presenta quindi tantissime modalità visive, ma secondo Digital Foundry tutte queste risultano essere ottimizzate in maniera non proprio soddisfacente. Servirebbe ulteriore lavoro di ottimizzazione da parte degli sviluppatori di Tango Gameworks, che si spera verrà introdotto con qualche patch post-lancio.

Le prestazioni di Ghostwire: Tokyo non sembrano essere particolarmente solide, stando alle analisi tecniche di Digital Foundry

Secondo John Linneman di Digital Foundry, la soluzione migliore in termini di prestazioni sarebbe quella di giocare in modalità a 120fps ma settando in maniera manuale il frame-rate a 60fps. Questo perché tutte le altre modalità soffrirebbero di vistosi cali di frame-rate e frame-pacing inconsistente. Qui sotto trovate il video-analisi che abbiamo preso in considerazione per l’articolo.

ghostwire-tokyo

A questo indirizzo potete trovare la nostra recensione di Ghostwire: Tokyo a cura di Marcello Crescini, mentre a quest’altro indirizzo trovate alcuni consigli su come affrontare l’avventura nel migliore dei modi.

Fonte: eurogamer.net

Articoli correlati

Simone Balboni

Simone Balboni

Sono soltanto un videogiocatore pieno di passione, ho in casa solo 14 console e 3 PC, ma nessuno di questi fa girare Quake Champions. Nel frattempo mi diletto su server competitivi alla ricerca di una buona Tripla Uccisione.

Condividi