Game Experience
LIVE

Contraband è in sviluppo presso Avalanche Studios dal 2018

Il gioco ha già tre anni di sviluppo sulle spalle.

Ormai qualche mese fa Xbox e Bethesda hanno arricchito il loro showcase dell’E3 2021 presentando totalmente a sorpresa Contraband, nuovo titolo open world ad opera di Avalanche Studios, autori tra gli altri della saga di Just Cause e della trasposizione videoludica di Mad Max.

Il titolo è stato presentanto attraverso un teaser trailer dedicato, filmato questo che non ha mostrato poi molto sul gioco ma che ha precisato come il titolo sarà pubblicato da Xbox Game Studios, approdando nei prossimi mesi in esclusiva su Xbox Series X, Xbox Series S e PC, il tutto sbarcando sin dal lancio anche su su Xbox Game Pass.

Ebbene in queste ore emerge in rete un nuova informazioni piuttosto interessante riguardante Contraband, che ha svelato infatti come la nuova opera di Avalanche Studios sia in lavorazione dal 2018 presso il team di sviluppo. Questa importante novità è stata scoperta direttamente dal sempre sul pezzo Timur, spulciando con attenzione il curriculum di uno sviluppatore alle prese con le animazioni del gioco.

Ma perché questa informazione è importante? Perché grazie ad essa veniamo a scoprire che la nuova esclusiva Xbox ha sulle spalle già tre anni di sviluppo, cosa questa che ci porta a pensare ad un rilascio molto meno distante rispetto a quanto preventivato all’inizio. Difatti adesso non è più da escludere che Avalanche Studios possa riuscire a pubblicare Contraband nel corso del 2023.

Qui di seguito trovate la sinossi ufficiale, piuttosto breve a dire il vero, condivisa direttamente dal team di sviluppo nelle scorse settimane.

“In Contraband scoprirai un paradiso di contrabbandieri in modalità cooperativa ambientato nel mondo immaginario di Bayan negli anni ’70 del secolo scorso”.

A questo punto continuate a seguirci per non perdervi tutte le ulteriori novità in arrivo sul gioco nelle prossime settimane, titolo che ribadiamo essere esclusiva Xbox Series X|S e PC.

Fonte: Twitter

Articoli correlati

Alberto Rossi

Alberto Rossi

Nasco Nintendaro grazie al Super Nintendo per poi subìre la seduzione d'altri lidi, con monoliti neri e croci verdi. Per fortuna che ancora una volta arrivò Navi a dirmi: "Ehy listen..."

Condividi