Game Experience
LIVE

The Guy VR è ora disponibile su PlayStation VR

Siete pronti a fuggire dai Sogni?

In questo articolo desideriamo parlarvi di The Guy VR, un puzzle game in prima persona che catapulta i giocatori in un mondo immaginario fatto di sogni dove è necessario trovare la via d’uscita da quest’ultimi, facendo uso di alcuni oggetti e strumenti che sarà possibile ottenere nel corso del proprio pisolino.

Questo gioco è disponibile sia su PlayStation 4 che PlayStation 5, ovviamente utilizzando il PlayStation VR, visore per la Realtà Virtuale di Sony Interactive Entertainment che nel corso del prossimo anno dovrebbe ricevere il suo successore, pensato appositamente per supportare PS5.

Qui di seguito trovate tutte le caratteristiche principali che vanno a comporre l’offerta di The Guy VR:

  • Nuovi livelli fantastici che sfruttano appieno i dispositivi VR
  • Locomozione del corpo intero in realtà virtuale
  • Controllo fisico totale di tutti gli elementi
  • Nuove mosse incredibili: essere in grado di raccogliere oggetti, lanciarli, attivare meccanismi e persino ruttare.
  • Sistema di guida riprogettato per la realtà virtuale
  • Opzione extra per lo stile di movimento del teletrasporto (se il tuo stomaco non può sopportarlo)
  • Una missione importante da portare a termine (di nuovo)

Prima di lasciarvi ad un video dedicato al gioco, così che possiate farvi un’idea ben precisa di cosa è capace di offrire questo titolo per per la Realtà Virtuale targata Sony Interactive Entertainment, vi ricordiamo che The Guy VR è un titolo fruibile esclusivamente attraverso un visore per VR. Inoltre sulle console PlayStation 5 è richiesto l’adattatore PlayStation Camera per PS Camera.

Eccovi qui di seguito il trailer del gioco, ricordandovi che da ora è possibile acquistarlo direttamente sul PlayStation Store al prezzo consigliato di 9,99 Euro.

Articoli correlati

Alberto Rossi

Alberto Rossi

Nasco Nintendaro grazie al Super Nintendo per poi subìre la seduzione d'altri lidi, con monoliti neri e croci verdi. Per fortuna che ancora una volta arrivò Navi a dirmi: "Ehy listen..."

Condividi