Game Experience
LIVE

System Shock 3, Warren Spector suggerisce che il gioco sia stato cancellato

Warren Spector rompe il silenzio

Warren Spector ha lasciato intendere in una nuova intervista che la sua versione di System Shock 3, a lungo in sviluppo, è morta, anche se non ha voluto confermarlo apertamente. Come parte di una nuova intervista con GamesBeat, l’acclamato game designer dietro DeusEx ha parlato brevemente della sua versione di System Shock 3, che il suo studio OtherSide Entertainment aveva diretto per alcuni anni.

Tuttavia, nel 2020, OtherSide ha subito dei licenziamenti diffusi. Quando gli è stato chiesto cosa è successo a OtherSide e le circostanze intorno alla fine dello sviluppo di System Shock 3, Spector ha detto:

“Abbiamo rilasciato una dichiarazione l’anno scorso. Non c’è molto altro da dire a questo punto. Tencent sta portando avanti il franchise. Starà a loro dire ciò che vogliono dire. Non ci sono molti chiarimenti che posso darvi”.

La dichiarazione a cui Spector si riferisce segue la scoperta di VGC che la proprietà del sito web di System Shock 3 è stata trasferita a Tencent Holdings. La breve dichiarazione, che è stata postata su Twitter all’inizio del 2020 recitava:

“1/2 Siamo felici di annunciare che Tencent porterà avanti il franchise di #SystemShock”.

E continuava in un altro Tweet:

“Come piccolo studio indie, è stato impegnativo per noi portare avanti il progetto da soli. Crediamo che le profonde capacità e l’esperienza di Tencent come azienda leader nel settore dei videogiochi porteranno il franchise a nuove vette”.

Alla domanda di GamesBeat su quanto tempo Spector abbia lavorato su System Shock 3, ha risposto:

“Ci abbiamo lavorato nel 2018 e nel 2019. Tutto qui”.

system shock 3

Lo studio dietro System Shock 3

Spector ha anche rivelato che OtherSide Entertainment era cresciuta fino a 17 sviluppatori al culmine dello sviluppo del gioco e il capo ha lasciato il suo ufficio. GamesBeat ha poi continuato a insistere sul ridimensionamento avvenuto alla luce della fine dello sviluppo di System Shock 3.

“C’è stato certamente un periodo di recupero personale. Non sono sicuro di come dirlo. La prendo sul personale, sapete? Lo sviluppo dei videogiochi non è solo un lavoro per me. Mi ci è voluto un po’ per far scorrere di nuovo i miei succhi creativi. E poi è arrivato COVID. Il mondo è impazzito”.

Sono passati quasi due anni dall’ultimo aggiornamento su System Shock 3, e nonostante le vaghe affermazioni che alcuni dello studio sono ancora coinvolti nel progetto, sembra che Spector abbia portato avanti lo sviluppo. Ha annunciato un nuovo gioco, e “sta lavorando su una simulazione immersiva sotto una nuova IP” che ha visto il veterano esecutivo del gioco Jeff Goodsill unirsi allo studio come direttore generale. Goodsill supervisionerà la produzione dei prossimi giochi per console next-gen e PC dello studio indipendente, che attualmente “sta lavorando su titoli non ancora annunciati sotto entrambe le IP stabilite e nuove”.

Warren Spector aveva detto che l’attuale progetto è ancora in fase iniziale di sviluppo, ma che non vede l’ora di condividere presto maggiori informazioni.

“È fantastico lavorare con un team di talento su un nuovo titolo e una nuova IP. I fan del mio lavoro sanno già cosa aspettarsi: un mondo coinvolgente e una narrazione avvincente che i giocatori impatteranno direttamente attraverso le loro scelte e stili di gioco”.

Spector ha rivelato un po’ di più sul suo nuovo gioco nell’intervista a GamesBeat, dicendo:

“Sarà un gioco piuttosto profondo. Ci sarà un sacco di varietà in quello che si può fare e in quello che vi chiediamo di fare”.

Infine, ha anche rivelato che ha iniziato a lavorare sul gioco nel periodo in cui è iniziata la pandemia di Covid-19.

“Ho iniziato a pensarci intorno al periodo in cui COVID ha colpito. Immaginatemi seduto da solo in una stanza con il mio hard disk vuoto a pensare a cose fantastiche. Sembra un sogno, ma non lo è. Ho un sacco di idee. Dico sempre alla gente che le idee sono facili. Ho legittimamente centinaia di concetti di gioco, dalla forma di una frase a quella di 20 pagine, sul mio hard disk. Ho esaminato un mucchio di idee e le ho sviluppate fino al punto in cui ho detto: “Nah, questo non è quello giusto”. Ma alla fine ne ho trovata una che è quella giusta”.

Fonte: VGC

Articoli correlati

Oskar Heise

Oskar Heise

Amante di esperienze Singleplayer, indipendentemente dal genere di appartenenza. Quando sono stanco, faccio riposare l'anima sedendomi affianco a falò provenienti dal Giappone o cerco di non classificarmi ultimo in una partita online. Allergico a qualsiasi forma di console war.

Condividi