STADIA

Stadia: Journey to the Savage Planet ha diversi bug da risolvere, ma lo studio di sviluppo non esiste più

Journey to the Savage Planet è arrivato da poco su Stadia dopo che Google ha incorporato nel proprio team interno i ragazzi di Typhoon Studios. Il gioco, purtroppo, ha diversi bug da alcuni leggeri ad altri molto più seri come il gioco bloccato al menù principale con l’impossibilità di muoversi. Ma chi sistemerà questi bug visto che lo studio di sviluppo è scomparso?

Ebbene andiamo con ordine e cerchiamo di fare chiarezza su cosa sta succedendo al gioco. Journey to the Savage Planet sulle altre piattaforme è pubblicato sotto l’etichetta di 505 Games che era il pubblisher del titoli creato da Typhoon Studios prima che Google arrivasse. Un utente ha deciso di contattare proprio 505 Games per rendergli noti i vari bug dopo che l’assistenza cliente di Stadia lo avrebbe indirizzato a chiedere informazioni a 505 Games, ma l’azienda l’ha rimandato alla pagina di Stadia in quanto sono loro i responsabili dello sviluppo e pubblicazione sulla propria piattaforma.

Stadia

Insomma, il gioco su Stadia è pubblicato sotto l’etichetta Stadia Games and Entertainment e 505 Games non ha voce in capitolo per intervenire su un qualcosa del quale non detiene alcun diritto. Ma allora cosa succede ora al gioco, rimarrà così? Lo studio di sviluppo non esiste più dopo che Google ha deciso di chiudere i poprio studi interni in meno di 5 giorni, ma sembrerebbe che stia lavorando per aggiustare i vari bug, come scritto su Reddit.

Speriamo che la casa di Mountain View riesca a rimediare ai vari bug che affliggono gli utenti Stadia nel breve tempo.