Game Experience
LIVE

Microsoft riconosce di aver sbagliato nella gestione di Lionhead Studios

La chiusura dello studio è stato uno dei più grandi passi falsi fatti dal colosso statunitense

Microsoft ha riconosciuto che la chiusura di Lionhead Studios è stato uno dei suoi “più grandi passi falsi”. Come riportato da IGN, nella sesta parte di Power On: The Story of Xbox, un documentario di sei parti che dettaglia gli alti e bassi di Microsoft attraverso il suo marchio Xbox, le figure chiave hanno parlato dell’acquisizione e dell’eventuale chiusura di uno dei più grandi studi del Regno Unito nel tentativo di “non ripetere gli stessi errori”.

Lionhead è stato co-fondato nel 1997 da Peter Molyneux, Mark Webley, Tim Rance e Steve Jackson, ma è stato concepito prima, mentre Molyneux era alla Bullfrog, il pionieristico produttore di giochi per PC di Populous, Syndicate e Dungeon Keeper.

Come Wes ha riferito quando lo studio è stato chiuso, Molyneux ha venduto Bullfrog a EA e ha guadagnato milioni dall’affare. Ora lavorando sotto il controllo di un proprietario americano, Molyneux desiderava di nuovo la libertà creativa. L’idea di Lionhead era quella di concentrarsi sulla creazione di giochi di alta qualità, come aveva fatto Bullfrog, ma evitare di cadere nella trappola di crescere troppo. È stata acquistata da Xbox nel 2006 e chiusa solo dieci anni dopo.

“Uno dei più grandi passi falsi da cui abbiamo imparato in passato è stato Lionhead”, ha detto Shannon Loftis, che era stato direttore generale della pubblicazione di giochi globali quando Lionhead fu chiusa. Sarah Bond, responsabile delle esperienze dei creatori di videogiochi e dell’ecosistema di Xbox ha poi aggiunto:

“Abbiamo acquisito Lionhead nel 2006, e l’abbiamo chiusa nel 2016. Un paio di anni dopo abbiamo riflettuto su quell’esperienza. Cosa abbiamo imparato, e come non ripetere i nostri stessi errori?”.

Ecco le parole di Phil Spencer, capo di Xbox:

“Si acquisisce uno studio per quello in cui sono bravissimi ora, e il tuo lavoro è quello di aiutarli ad accelerare il modo in cui fanno quello che fanno, non loro ad accelerare quello che fai tu.”

Loftis infine ha detto:

“Vorrei che Lionhead fosse ancora uno studio valido.”

Fonte: IGN

Articoli correlati

Oskar Heise

Oskar Heise

Amante di esperienze Singleplayer, indipendentemente dal genere di appartenenza. Quando sono stanco, faccio riposare l'anima sedendomi affianco a falò provenienti dal Giappone o cerco di non classificarmi ultimo in una partita online. Allergico a qualsiasi forma di console war.

Condividi