Game Experience
LIVE

Meta, l’informatore Haugen teme che il Metaverso possa creare “nuovi pericoli”

Ecco le preoccupazioni di Frances Haugen, whistleblower di Facebook

Le preoccupazioni di Frances Haugen, whistleblower di Facebook, riguardo al gigante dei social media ora conosciuto come Meta, si estendono oltre le attuali offerte della società – Haugen teme che il prossimo “metaverso” di Meta, il suo mondo di realtà virtuale interconnesso, sarà “coinvolgente” e “ruberà” le persone delle loro informazioni personali, e creerà “una nuova serie di pericoli“, come riportato da The Associated Press. Ecco le sue parole:

“Quindi, al di là del fatto che questi ambienti immersivi sono estremamente coinvolgenti e incoraggiano le persone a staccare la spina dalla realtà che effettivamente viviamo sono anche preoccupata a livello di – il metaverso ci richiederà di mettere molti, molti più sensori nelle nostre case e nei nostri luoghi di lavoro”

facebook-meta

Questo che significa che gli utenti dovranno rinunciare a più dati e più privacy. Haugen ha anche affermato che la recente spinta pubblicitaria del metaverso di Meta è un tentativo sottilmente velato di accelerare il ciclo delle notizie, dopo che i documenti interni dell’azienda che ha fornito sia ai giornalisti che al Congresso hanno rivelato pubblicamente problemi “radicati” al suo ex datore di lavoro.

“Se non ti piace la conversazione, cerchi di cambiare la conversazione” ha detto Haugen ad AP, anche se non pensa che questa sia una strategia particolarmente morale o efficace, considerando cosa l’azienda sta già affrontando.

“Stanno andando ad assumere 10.000 ingegneri per lavorare sui videogiochi quando in realtà non hanno ottenuto la sicurezza sul loro prodotto principale […] è un fallimento della leadership”

Un fallimento in particolare da parte del CEO Mark Zuckerberg:

“A meno che non voglia dare la priorità alla sicurezza della piattaforma, dovrebbe farsi da parte e lasciare che qualcun altro si concentri su questo”.

Fonte: The Week

Articoli correlati

Oskar Heise

Oskar Heise

Amante di esperienze Singleplayer, indipendentemente dal genere di appartenenza. Quando sono stanco, faccio riposare l'anima sedendomi affianco a falò provenienti dal Giappone o cerco di non classificarmi ultimo in una partita online. Allergico a qualsiasi forma di console war.

Condividi