XBOX

Halo Infinite rinviato al 2022, è solo un pesce d’aprile, ma Kotaku ci è cascata

Il famoso blog di videogiochi aveva pubblicato la notizia come vera.

Nella giornata di ieri c’è stata un po’ di confusione a causa di uno screenshot fake di un comunciato di rinvio di Halo Infinite all’estate 2022, pubblicato da un profilo Twitter con nome “Halo” ed handle “343 Industries” che naturalmente non si trattava del profilo ufficiale dell’iconica serie sparatutto di Xbox, visti i soli 50 follower dell’account e vista la presenza dell’ormai ex direttore dello studio Chris Lee nel comunicato. L’immagine è stata condivisa da molti utenti che probabilmente ci sono cascati, o che semplicemente sono stati al gioco cercando di prendere alla sprovvista qualche amico. Vi lasciamo il comunicato qui di seguito:

Il comunicato afferma come il gioco sarebbe stato rinviato ad estate 2022 causa COVID-19, il tutto contornato da scuse e spiegazioni sul consegnare un prodotto di qualità che mantenga le aspettative e le promesse di un’esperienza degna del franchise di Halo. In chiusura si può notare appunto la firma di Chris Lee sul comunicato, segno dunque che è ovviamente un comunicato fatto appositamente per fare un pesce d’aprile e dunque un falso.

Non sono stati in pochi però a riportare la notizia ufficialmente, uno su tutti è Kotaku, che inizialmente aveva creato un articolo proprio su questo comunicato, non capendo che si trattava di un falso, con la notizia che è stata successivamente aggiornata, con all’interno le scuse dell’autore e di tutta la redazione di Kotaku per l’errore e la confusione creata. Il famoso blog di videogiochi ha successivamente anche pubblicato un tweet di scuse per esserci cascata, con anche delle risposte al tweet dai profili ufficiali di Xbox e di Halo:

Halo Infinite è stato a più riprese di recente confermato nuovamente per il rilascio nell’autunno di quest’anno, prima da un senior designer, e successivamente anche da un doppiatore del gioco. Nessun rinvio dunque, si trattava semplicemente di un pesce d’aprile, che però ha saputo prendere in inganno anche un blog importante del calibro di Kotaku.