Game Experience
LIVE

God of War Ragnarok analizzato da un esperto di mitologia norrena

Quanto è fedele il gioco alla realtà descritta nell'Edda Poetica e nell'Edda in Prosa?

Sono passati solo due giorni dalla presentazione di God of War Ragnarok nel corso dello showcase PlayStation e subito hanno cominciato a fioccare polemiche da parte di un pubblico, spiace dirlo, incapace di accettare cose che esulino dall’immaginario costruito forzosamente da hollywood o dai più comuni stereotipi e luoghi comuni.

Tra queste polemiche è forte quella legata alla figura di Thor, celeberrimo dio del tuono che molti, complice la Marvel, sono abituati a immaginare come un figuro muscoloso, atletico, e di bell’aspetto (da ciò è derivata una pioggia di meme). Aspre anche le critiche alla decisione di rappresentare la gigantessa Angrboða con le fattezze di una donna nera.

Ma quanto di tutto ciò è giusto criticare? E quanto, invece, è frutto di una più fedele interpretazione degli scritti o di una libera interpretazione di elementi mai definiti nelle fonti ufficiali d’informazioni relative alla mitologia norrena, vale a dire l’Edda Poetica e l’Edda in Prosa (anche note rispettivamente come Edda Antica ed Edda Recente)?

Per chiarire queste cose è intervenuto Jackson Crawford mediante il canale YouTube di IGN, che ha analizzato il trailer di God of War Ragnarok mostrato durante lo showcase. Crawford è un esperto che in passato ha collaborato, in veste di consulente, con colossi come la Disney per il film Frozen, o con Ubisoft per Assassin’s Creed Valhalla, solo per nominare un paio di progetti a cui la sua esperienza ha dato contributo.

Nel video, che v’invitiamo a guardare consapevoli degli spoiler che potrebbe contenere, specie se non avete giocato il capitolo precedente di God of War, l’esperto prende in esame le storie, le rune, i nemici e le credenze popolari a cui il filmato fa accenno, spiegando quanto queste rispecchino quelle che erano le vere credenze legate alla mitologia norrena. Vi lasciamo dunque alla visione del filmato, pronti a discutere con voi di qualsiasi sua parte nello spazio dedicato ai commenti.

Articoli correlati

Giovanni Carrieri

Giovanni Carrieri

Amante dei videogiochi sin dalla più tenera età ho trascorso la fanciullezza sulle console per poi passare, crescendo, al PC, mia attuale piattaforma di riferimento. Amo in particolar modo i giochi di ruolo e gli adventure, specie se open world e con una componente narrativa ben scritta e sceneggiata. Non disdegno il gioco multiplayer, sempre che la compagnia sia buona.

Condividi