Game Experience
LIVE

Fortnite inserirà l’Unreal Editor nel tentativo di superare Roblox

Il CEO di Epic ha anche parlato del metaverso

Tim Sweeney, CEO di Epic Games, ha rivelato che nel corso dell’anno Epic rilascerà l’Unreal Editor per Fortnite. “Le funzionalità complete che avete visto [nell’Unreal Engine] sono state aperte in modo che chiunque possa costruire contenuti di gioco e codice di altissima qualità e distribuirli in Fortnite senza dover fare un accordo con noi”, ha dichiarato Sweeney in una nuova intervista a FastCompany. “È aperto a tutti”.

La trasformazione di Fortnite

Il significato di tutto ciò può essere riassunto al meglio come una “Roblox-ificazione” dell’ecosistema dei creatori di Fortnite. Sweeney è un grande fan del funzionamento di Roblox che, nonostante abbia un profilo mediatico più basso rispetto a Fortnite, è uno degli unici veri contendenti del “metaverso” in circolazione e il suo fascino risiede quasi interamente nei contenuti creati dagli utenti.

“Il nostro obiettivo è quello di renderlo uno sbocco di prima classe per raggiungere i consumatori, proprio come si potrebbe guardare ai negozi di applicazioni mobili, alle console e a Steam come modi per raggiungere gli utenti. Ora si guarda anche a Fortnite e a Roblox come modi per raggiungere gli utenti. Insieme a questo, stiamo costruendo un’economia, che supporterà i creatori a costruire imprese attorno al loro lavoro e a trarre profitti crescenti dal commercio che deriva dalla fruizione dei loro contenuti”.

Se Fortnite adotterà un approccio diverso alla rinumerazione dei creatori è la parte interessante. Sweeney si è espresso in modo assolutamente esplicito contro i gatekeeper che si appropriano di grandi compensi, e ha certamente fatto valere le sue ragioni (Epic è impegnata in varie azioni legali contro i giganti tecnologici, tutte riguardanti questioni antitrust sui canali di distribuzione). La grande critica che viene mossa a Roblox è che sfrutta finanziariamente i creatori trattenendo un’enorme fetta dei profitti del loro lavoro. Quindi una commissione bassa, o addirittura nessuna commissione, sembra un obiettivo aperto per Fortnite.

Fortnite

Il Metaverso

Sweeney crede inoltre fortemente nel metaverso. L’anno scorso un tribunale ha stabilito che Sweeney era davvero convinto di quello che aveva detto nella causa antitrust tra Epic e Apple: “La Corte ritiene che le convinzioni personali del signor Sweeney sul futuro del metaverso siano sincere”. Quando Sweeney dice che si può ordinare un top di Gucci dopo averlo esaminato in AR, dice sul serio.

“È un peccato che il metaverso sia così esagerato in questo momento. C’è tutto questo gas, blockchain e così via, ma sommando gli utenti abbiamo scoperto che ci sono circa 600 milioni di persone che giocano con i loro amici a esperienze di tipo metaverso”.

Il punto di vista di Sweeney è, essenzialmente, che la gente sta fraintendendo il metaverso. Ne parla in termini di un progetto lungo e continuo, formato da più filoni diversi e aperto a tutte le aziende, senza barriere, ma è consapevole del fatto che sarà una battaglia realizzarlo.

“Questo è l’obiettivo principale degli sforzi dell’antitrust mondiale: garantire che ogni partecipante al mercato possa competere equamente nel proprio mercato senza vincoli di monopolio. Questo aprirà la strada al metaverso aperto. Senza di ciò, anche se si costruisse un metaverso aperto, Apple e Google finirebbero comunque per dettare tutte le condizioni a tutti”.

“Penso che non si tratti solo della questione economica e dell’economia mondiale, ma anche che non si possa avere un mondo libero se non c’è libertà online e libertà sulle piattaforme. Se ci sono due società che controllano tutto il discorso mondiale e si inchinano ai governi, soprattutto a quelli oppressivi, per agire come agenti per loro conto e spiare gli utenti e le fonti di opinione e di dissenso, penso che il mondo in cui ci si ritrova non sia quello in cui vorremmo vivere. Penso che sarebbe un posto orribile. Penso quindi che sia una questione sociale di prima classe non lasciare che queste gigantesche mega-corporazioni controllino il commercio e il discorso online e controllino il metaverso. Davvero”.

Fonte: FastCompany

Articoli correlati

Oskar Heise

Oskar Heise

Amante di esperienze Singleplayer, indipendentemente dal genere di appartenenza. Quando sono stanco, faccio riposare l'anima sedendomi affianco a falò provenienti dal Giappone o cerco di non classificarmi ultimo in una partita online. Allergico a qualsiasi forma di console war.

Condividi