Game Experience
LIVE

Embracer Group ha dei piani decennali per lo sfruttamento dell’IP de Il Signore degli Anelli

L'azienda ha già pensato a come sfruttare la Proprietà Intellettuali per i prossimi anni.

Poco più di un mese e mezzo fa Embracer Group ha annunciato di aver acquisito la Middle Earth Enterprises, società che ricordiamo essere la detentrice dei diritti della Proprietà Intellettuale della trilogia de Il Signore degli Anelli e de Lo Hobbit. E com’era lecito attendersi, visto che Embracer è una società di videogiochi, ciò significa che presto dovrebbero approdare sul mercato tanti nuovi videogiochi basati sulle IP di Tolkien.

Embracer Group ha già pensato a dei piani decennali per lo sfruttamento della Proprietà Intellettuali de Il Signore degli Anelli

Ed in tal senso pare proprio che la società abbia già dei piani ben prestabiliti in merito al futuro delle Proprietà Intellettuali di cui sopra nata dalla mente di Tolkien. Difatti dando un’occhiata all’ultimo numero della rivista EDGE (il numero 377), il CEO di Embracer, Lars Wingesfors, ha affermato che in quel della società stanno già pensando a dei piani per “decenni avanti” per lo sfruttamento della licenza in questione.

Qui di seguito trovate le dichiarazioni del CEO dell’azienda:

Non avremmo acquisito il marchio de Il Signore degli Anelli se stessimo solo pensando di massimizzare quel potenziale nel prossimo anno. Si deve pensare decenni avanti. Ed è così che continueremo a pensare al tutto.

Viste queste dichiarazioni quindi, appare piuttosto palese come Embracer Group annuncerà presto dei nuovi videogiochi basati sulla Proprietà Intellettuali de Il Signore degli Anelli, visto che l’azienda ha già pensato a dei piani decennali per lo sfruttamento di questa importantissima IP.

embracer group
Fonte: MP1ST

Articoli correlati

Alberto Rossi

Alberto Rossi

Videogioco praticamente da sempre, con il desiderio inesauribile di vivere fantastiche avventure in mondi affascinanti, potendo in questo modo assaporare quella splendida sensazione di libertà che mi è stata preclusa nella vita reale. E poi diciamocelo chiaramente: videogiocare su una sedia a rotelle è decisamente comodo!

Condividi