NOTIZIE

Call of Duty Vanguard: secondo Jeff Grubb avrà l’online rimasterizzato di Modern Warfare 2!

Il noto giornalista di VentureBeat ha affermato di aver ricevuto informazioni in merito

I rumor legati alle difficolà di sviluppo del capitolo 2021 di Call of Duty si sono susseguite con particolare frequenza in questi ultimi mesi. Il nuovo Call of Duty Vanguard, questo il nome che dovrebbe avere il nuovo capitolo è senza ombra di dubbio uno dei titoli più attesi dell’anno per molti giocatori, come evidenziano peraltro ogni anno i numeri di vendita dei diversi capitoli. Tuttavia come dicevamo in questo particolare periodo storico contrassegnato da una pandemia globale senza precedenti nell’era moderna dove molti progetti stanno affrontando non poche difficoltà, Call of Duty Vanguard starebbe vivendo una serie infinita di problematiche, e se il rumor emerso in queste ore troverà conferma darà ulteriore forza a queste voci.

Call of Duty

Lo sviluppo di questo nuovo capitolo è stato affidato a Sledgehammer Games, sviluppatore storico di Activision che verrà affiancato da altri team interni del colosso Californiano, ma stando ad una recente dichiarazioni di Jeff Grubb di VentureBeat, Call of Duty 2021 Vanguard, non sarebbe dotato proprio della componente multiplayer adhoc, a causa appunto ad una serie di problemi nati proprio durante il suo sviluppo complicato dalla situazione Covid-19.

Grubb ha sottolineato che chi gli ha fornito queste informazioni ha ovviamente ribadito che il gioco non sarà sprovvisto totalmente della sua componente principale, la quale “dovrebbe” essere rimpiazzata dalla componente multiplayer rimasterizzata di Call of Duty: Modern Warfare 2, che funzionerebbe appunto come sostituta della modalità assente in Call of Duty Vanguard.

Va sottolineato però che proprio la scorsa settimana la stessa Activision era intervenuta per smentire le recenti indiscrezioni che parlavano di rinvio al prossimo anno e che avevano assunto sempre maggior insistenza, confermando che il gioco verrà rilasciato regolarmente entro la fine del 2021 dotato di tutte le sue caratteristiche.

Queste le dichiarazioni del portavoce Activision proprio in merito a quella situazione:

Posso confermarvi che il nuovo COD includerà la campagna in single player, il multiplayer e delle modalità cooperative. Onestamente noi di Activision siamo molto eccitati per l’uscita di Call of Duty di quest’anno. Lo sviluppo è stato affidato a Sledgehammer Games e sì, il gioco sembra fantastico e sulla buona strada per la sua pubblicazione in autunno. Posso inoltre aggiungere che si tratta di un’esperienza costruita per la prossima generazione di console con una grafica mozzafiato attraverso la campagna, il multiplayer e le modalità cooperative di gioco. Inoltre il nuovo capitolo della serie sarà progettato per integrarsi e migliorare l’ecosistema COD esistente. Non vediamo l’ora di condividere presto ulteriori dettagli con la comunità“.

Al netto di queste informazioni dunque ci pare una possibilità davvero molto remota quella proposta da Grubb, per quanto glorioso all’epoca infatti, il comparto multiplayer di Modern Warfare 2 non reggerebbe minimamente il confronto con le attuali meccaniche e stile di molti giocatori. Va anche sottolineato che ci sono dei rumor legati alla rimasterizzazione di Modern Warfare 3 e relativo comparto online, anche se ovviamente al momento oltre che a rumor anche abbastanza insistenti non vi sono conferme da parte di Activision in merito.

Continuate a seguirci e iscrivetevi al canale YouTube del nostro Amante per tutte le novità in merito.