Game Experience
LIVE

Australia chiede un’azione globale per combattere la disinformazione online

L'Australia è decisa a fare un cambiamento

Durante la giornata di venerdì, l’Australia ha chiesto ai governi di tutto il mondo di concordare delle “regole della strada” per combattere la diffusione della disinformazione e della disinformazione online sostenuta dallo stato.

Il ministro degli Esteri Marise Payne ha dichiarato che blocchi come il gruppo Quad Stati Uniti, India, Giappone e Australia – e organismi globali come le Nazioni Unite stanno già lavorando per trovare un equilibrio tra contenuti dannosi e libera espressione online. Ma il tempo si sta esaurendo per concordare le regole di ciò che era ammissibile.

Dovremmo iniziare ieri“, ha detto Payne a un panel all’evento virtuale Sydney Dialogue insieme al capo degli affari globali di Facebook Inc:

“Dobbiamo essere molto chiari sul fatto che la regola della legge che si applica offline deve essere applicata online. Le regole della strada sono quelle che permettono agli utenti della strada di stare al sicuro, lo stesso vale per gli utenti online. Essere in grado di identificare la differenza tra la libertà di parola e la disinformazione maligna … è importante.”

La disinformazione e i tentativi sponsorizzati dai governi di alimentare il disaccordo sociale online sono diventati una questione politica scottante, con i critici che accusano le piattaforme come Facebook di non riuscire a fermare la democrazia distorta dai contenuti che ospitano.

Il mese scorso, un ex dipendente di Facebook ha reso pubblico alcuni documenti che, secondo lei, hanno mostrato che l’azienda ha messo il profitto al di sopra della sicurezza pubblica, nonostante le dichiarazioni pubbliche che affermano il contrario. Il capo degli affari globali di Facebook, Nick Clegg, ha spiegato al panel che spetta ai governi stabilire le regole della disinformazione:

“Non è chiaramente giusto che persone come me, o a volte (il fondatore di Facebook) Mark Zuckerberg o altri, debbano prendere decisioni su che tipo di contenuti possono rimanere in piedi o essere eliminati.”

“Non tutta la regolamentazione è buona, ma naturalmente la regolamentazione deve essere introdotta”.

Fonte: Reuters

Articoli correlati

Oskar Heise

Oskar Heise

Amante di esperienze Singleplayer, indipendentemente dal genere di appartenenza. Quando sono stanco, faccio riposare l'anima sedendomi affianco a falò provenienti dal Giappone o cerco di non classificarmi ultimo in una partita online. Allergico a qualsiasi forma di console war.

Condividi