Game Experience
LIVE

No More Heroes 3 – Recensione per console Next-Gen Xbox Series X|S e PS5

No More Heroes 3 ha fatto il suo debutto lo scorso anno, precisamente ad agosto 2021, dove si è contraddistinto per l’ormai classica follia e imprevedibilità che con il tempo è diventata un marchio di fabbrica per la Software House Suda 51 e il direttore da cui quest’ultima prende proprio il nome, ovvero Goichi Suda.

Del gioco si è già parlato qui su Game-eXperience, dove viene analizzata la versione originale, quella per Nintendo Switch.

Qui si analizza la versione da poco uscita, quella per PS5 e Xbox Series X/S.

No More Heroes 3

No More 30 FPS

Il cambiamento più significativo e determinante di questa nuova riedizione di No More Heroes 3 è sicuramente il passaggio dai 30 ai 60 frame al secondo. Su PC è disponibile il framerate sbloccato

La fluidità è da sempre un elemento essenziale all’interno dei giochi d’azione, e infatti la versione Nintendo Switch del videogioco portava qualche problema a causa dei 30 frame al secondo.

Fortunatamente questo problema è stato risolto, ma è sempre fluido il gioco, o ci sono ancora delle imperfezioni?

NSwitch NoMoreHeroes3 24

Durante i combattimenti, No More Heroes 3 si comprta molto bene, sfoggiando con fierezza i 60 FPS mentre si affettano alieni nemici a suon di Katana Laser. Promosso in pieno in questo ambito.

Per le sezioni esplorative nelle piccole mappe del gioco la situazione è diversa, e sfortunatamente, è peggiore. All’interno di questi momenti ci sono cali di frame frequenti, e andando in giro con la moto, la situazione non fa altro che aggravarsi.

Nel gioco base, questi momenti erano già i meno luminosi della produzione, e con questi costanti cali di frame al secondo, la situazione non migliora.

Si poteva fare di peggio ma si poteva fare anche molto meglio con questa situazione della fluidità, soprattutto se si considera il divario di potenza che separa la console portatile di Nintendo, e le bestie proposte da Microsoft e Playstation.

Tenica pura

Bisogna ammetterlo. No More Heroes 3 è tecnicamente arretrato. Non importa di quale versione si stia parlando, resta un gioco tecnicamente non all’altezza di questa generazione.

La versione per le nuove console presenta delle migliorie, come la nitidezza e un colpo d’occhio superiore ma finisce lì.

2021082801434500 3B9323BE064612AE11D6EFB8BC382C43 1024x576 1

Si poteva fare un lavoro migliore, magari aggiungendo qualche dettaglio in più, senza necessariamente fare le cose in grande.

Tuttavia, la realizazzione dei volti, che di per sè era già buona, qui diventa anche migliore.

Cosa è importante alla fine?

La parte tecnica non è mai stato il punto forte di No More Heroes, e neanche di No More Heroes 3. Sicuramente le versioni per console di nuova generazione offrono la miglior esperienza possibile per il videogioco con protagonista Travis Touchdown, ma c’è da dire che questo aspetto passa in secondo piano.

Si tratta di una serie di videogiochi che si fa apprezzare per altri aspetti, come la direzione, il combattimento, la follia o il divertimento.

Sicuramente bisogna elencare i difetti di questa riedizione, che migliora le cose giusto di poco, ma non c’era molto che si potesse fare senza stravolgere quello che è il gioco base.

no more heroes 3 review

Se vi è piaciuto No More Heroes 3 su Nintendo Switch questa versione vi piacerà anche di più, poichè ne migliora il combattimento, uno degli aspetti fondamentali del gioco.

E se nel caso non abbiate ancora messo le mani su No More Heroes 3 e siete indecisi se prenderlo per Nintendo Switch oppure optare per una versione Playstation 5 o Xbox Series S/X, la risposta è semplice: comprate questa riedizione.

I fan di Suda (non) sanno cosa aspettarsi e apprezzeranno il gioco a prescindere da tutti questi piccoli cambiamenti.

Articoli correlati

Loris Lo Masto

Loris Lo Masto

Ho avuto un pad tra le mani ancor prima di imparare a parlare. Gioco ai videogiochi da praticamente tutta la vita, e senza pensarci due volte li reputo non solo la mia più grande passione, ma anche il tratto che meglio descrive la mia persona. Adoro parlarne in maniera più approfondita, non concentrandomi sull'idea che i videogiochi siano strumenti per intrattenere, ma come mezzi di comunicazione per unire più cuori.

Condividi