Game Experience
LIVE

Modern Warfare 2 seguirà Overwatch 2 richiedendo il numero di cellulare

Anche il nuovo capitolo di CoD proporrà il sistema di protezione basato sui numeri di telefono.

Activision Blizzard ha annunciato che anche Call of Duty: Modern Warfare 2 utilizzerà lo stesso sistema di protezione inserito in Overwatch 2, con i fan che quindi di conseguenza dovranno associare il proprio numero di telefono ai propri account Activision Blizzard per poter giocare.

Anche Modern Warfare 2 seguirà Overwatch 2 richiedendo un numero di cellulare per gli account

Questo requisito è stato aggiunto da parte del publisher giapponese per combattere la tossicità da parte di una specifica fetta di fan. L’unico inconveniente di questo sistema di protezione 2FA, chiamato SMS Protect, è che non accetta tutti i tipi di numeri, “compresi prepagati e VOIP”.

E questa è una cosa che ha scatenato non poco clamore in quel della community di Overwatch 2, visto che gli utenti con cellulare prepagato si sono visti letteralmente impossibilitati a giocare al nuovo titolo. Detto questo, oltre al secondo capitolo di Overwatch anche l’attesissimo Modern Warfare 2 utilizzerà questo nuovo sistema di protezione.

Difatti accedendo alla pagina sul sito di supporto di Battle.net, è possibile leggere che anche gli account di MWII “appena creati” richiedono tutti di avere associato un numero di telefono per effettuare l’accesso.
Qui di seguito potete infatti leggere il messaggio inserito direttamente da Activision Blizzard sul sito ufficiale di cui sopra:

“Segnaliamo come sia necessario il numero di telefono per accedere ad alcuni giochi. Call of Duty: Modern Warfare 2, Overwatch 2, e gli account creati di recente di Call of Duty: Modern Warfare richiedono un numero di telefono”.

Modern Warfare 2
Fonte: PC Gamer

Articoli correlati

Alberto Rossi

Alberto Rossi

Videogioco praticamente da sempre, con il desiderio inesauribile di vivere fantastiche avventure in mondi affascinanti, potendo in questo modo assaporare quella splendida sensazione di libertà che mi è stata preclusa nella vita reale. E poi diciamocelo chiaramente: videogiocare su una sedia a rotelle è decisamente comodo!

Condividi