XBOX

Microsoft ha discusso con Bethesda l’acquisizione diversi anni prima dell’accordo

L'acquisizione di Bethesda si è sviluppata nel corso di più anni, ha svelato Phil Spencer.

Lo scorso autunno, Microsoft ha annunciato il suo impegno di acquisire Bethesda per 7,5 miliardi di dollari, acquisizione che si è poi conclusa quest’anno, a marzo. Grazie a questo accordo, Bethesda è entrata a far parte della famiglia Xbox, portando con sé franchise come Fallout, The Elder Scrolls, DOOM, Wolfenstein sotto il proprio ombrello first-party, inclusi ovviamente anche i loro team di sviluppo quali Bethesda Game Studios, id Software, MachineGames e tanti altri ancora.

“Robert (Altman) e io avevamo avuto queste discussioni anche qualche anno prima, solo in termini di dove il suo percorso era iniziato e dove i team sono arrivati”, ha detto Spencer durante un recente podcast con IGN. “Quindi questa è stata una discussione che non è avvenuta solo in mesi, ma nel corso di più anni. Abbiamo finalmente trovato l’opportunità giusta per entrambi, sia dal punto di vista economico sia per quanto riguarda il percorso dei team.”

Altman è morto a febbraio, poco prima che l’accordo con Microsoft ricevesse l’approvazione, con Spencer che ha espresso rammarico per il fatto che non abbia poi avuto la possibilità di vedere insieme Xbox e Bethesda nella conferenza congiunta all’E3 2021. Quelle discussioni sono diventati documenti firmati nell’agosto 2020, che hanno poi portato all’annuncio ufficiale di Microsoft poco dopo.

Bethesda-Robert A. Altman

Per quanto riguarda Todd Howard, Spencer ha rivelato di aver avuto anche una conversazione con lui nei mesi precedenti all’annuncio ufficiale. Non rispondendo direttamente alla domanda che chiedeva circa un possibile patto di non concorrenza che avrebbe coinvolto il famoso producer di Bethesda Game Studios dopo l’acquisizione, ma affermando comunque:

Siamo amici da molto tempo e non credo che gli dispiacerebbe se condividessi questo. C’è stato un momento in cui entrambi ci siamo guardati l’un l’altro quando questo accordo era pronto per essere chiuso e sapevamo che stavamo facendo una scommessa l’uno sull’altro“.

Xbox-Bethesda Microsoft

All’interno dell’intervista, Spencer ha anche affermato che le acquisizioni sono una parte sana e naturale dell’industria, e ha condiviso maggiori dettagli sul futuro di Xbox.