Game Experience
LIVE

Bayonetta 3 potrebbe avere una meccanica di gioco simile a Scalebound

Bayonetta 3 condivide lo stesso lead designer di Scalebound e a quanto pare potrebbe anche avere una meccanica di gioco molto simile.

Bayonetta 3 è diretto dall’ex lead designer dell’esclusiva Xbox Scalebound e potrebbe condividere qualche meccanica del gioco poi cancellato. Questo stando all’ex lead producer di Scalebound, Jean Pierre Kellams, che ha twittato dopo il gameplay trailer di Bayonetta 3 di settimana scorsa spiegando che il director del gioco, Yusuke Miyata, che aveva anche guidato la progettazione dello sfortunato titolo Xbox di PlatinumGames.

“Yusuke Miyata è stato il lead designer di Scalebound, ed è super talentuoso, e non vedo l’ora di giocare Bayo 3 principalmente perché lo sta dirigendo anche lui”, ha scritto Kellams.

Il produttore, che attualmente lavora presso lo sviluppatore Harmonix, ha continuato suggerendo che una meccanica mostrata nel trailer di Bayonetta 3, che consente ai giocatori di controllare direttamente i demoni, sembrava simile a una funzionalità presente in Scalebound.

“Il controllo dell’evocazione sembra MOLTO simile a una meccanica che avevamo in Scalebound per controllare Thuban. Ora che ho avuto modo di rivedere il trailer, sono davvero entusiasta per questo”, ha scritto.

Yusuke ha anche lavorato in precedenza su The Wonderful 101 e Astral Chain come designer, ma Bayonetta 3 sarà il suo primo gioco della serie.

Scalebound wall bayonetta 3

Annunciato alla vetrina multimediale dell’E3 2014 di Microsoft, Scalebound doveva essere un gioco d’azione del creatore di Bayonetta, Hideki Kamiya. Ma dopo un lungo periodo di sviluppo, il gioco è stato cancellato nel 2017.
Parlando con VGC in un’intervista del 2019 PlatinumGames, il capo dello studio Atsushi Inaba ha affermato che “non è stato facile” vedere Microsoft ricevere l’urto delle ire dei fan dopo la cancellazione di Scalebound.

Invece, Inaba ha insistito sul fatto che “entrambe le parti hanno fallito” nel non portare a termine il progetto. “Guardare i fan arrabbiarsi con Microsoft per la cancellazione non è stato facile per noi”, ha detto. “Perché la realtà è che quando un gioco in sviluppo non può essere rilasciato è perché entrambe le parti hanno fallito. Penso che ci siano aree in cui avremmo potuto fare meglio e sono sicuro che ci sono state aree in cui Microsoft come partner editoriale avrebbe potuto fare meglio. Perché nessuno vuole che un gioco in sviluppo venga cancellato”.

Parlando con IGN l’anno scorso, il boss di Xbox Phil Spencer ha affermato che la cancellazione di Scalebound gli aveva insegnato a essere meno pubblico con i progetti prima che fosse messo in atto un “piano vero e credibile”.

Fonte: VGC

Articoli correlati

Daniele Franco

Daniele Franco

Videogiocatore incallito, fin da piccolo, appassionato di qualsiasi genere, ma in particolare GDR ed Action Adventure. Gioco principalmente sulla piattaforma verde, ma amo e rispetto tutte le piattaforme e tutti i giocatori, le tifoserie non fanno per me, giocate e divertitevi, quello è l'importante.

Condividi