Game Experience
LIVE

Xbox Game Studios: i team di sviluppo sono più di 60 dopo l’acquisizione di Activision Blizzard

Il conteggio di ieri sarebbe in realtà errato.

Appena un paio di giorni fa (precisamente il 18 gennaio 2022Microsoft ha annunciato ufficialmente di aver acquisito l’intera Activision Blizzard e tutte le IP in possesso del gigantesco publisher americano. Ovviamente grazie a questa acquisizione il colosso di Redmond ha inglobato una grande quantità di team di sviluppo, con i fan che stanno iniziando a domandarsi quanti siano effettivamente i team che ora hanno arricchito gli Xbox Game Studios.

Stando ad alcuni conteggi infatti, Microsoft è passata da 6 a 32 studi nel giro di 5 anni, ma stando ad un nuovo tweet pubblicato dal noto insider Klobrille il conteggio di cui sopra è inesatto in quanto in realtà gli Xbox Game Studios contano più di 60 team di sviluppo.

Eccovi qui sotto il nuovo cinguettio dell’insider:

Mi stanno arrivando molte domande sul conteggio degli Xbox Games Studios inclusi quelli di Activision Blizzard. La risposta è… molto complessa. Per motivi di chiarezza si possono ridurre a 32+, ma il numero reale è molto più alto. Ad esempio in questo totale Blizzard viene contato come un singolo studio. Però Blizzard conta circa 5.000 dipendenti con più di nove studi interni, un numero maggiore di tutti gli studi di XGS e Bethesda combinati. Ci sono anche studi come PlayGround e Arkane rappresentati da un logo, ma che sono divisi in due studi unici con progetti differenti. Inoltre, il numero 32+ ignora gli studi mobile, di supporto e di servizio per i titoli multiplayer come Demonware, Playfab o Digital Legends. Se contiamo i “team in grado di creare i loro giochi”, il numero reale di studi Xbox va oltre i sessanta.

Fonte: Twitter

Articoli correlati

Alberto Rossi

Alberto Rossi

Videogioco praticamente da sempre, con il desiderio inesauribile di vivere fantastiche avventure in mondi affascinanti, potendo in questo modo assaporare quella splendida sensazione di libertà che mi è stata preclusa nella vita reale. E poi diciamocelo chiaramente: videogiocare su una sedia a rotelle è decisamente comodo!

Condividi