XBOX

Xbox Game Pass: SEGA è felice dei risultati ottenuti con il servizio di Microsoft

Anna Downing esprime parole al miele per il servizio di Microsoft.

Ormai ogni giorno, o quasi, spuntano in rete nuove indiscrezioni circa la presunta acquisizione di SEGA da parte di Microsoft, azienda giapponese a cui dobbiamo Sonic che, in questo modo, andrebbe a rimpolpare con le proprie IP la line-up di titoli offerta da Xbox Game Pass, servizio in abbonamento del colosso americano.

Tralasciando questa ondata di interessanti speculazioni, oggi emerge online un fatto chiaro, preciso e piuttosto conciso: il rapporto tra le due aziende sembra essere di quelli incredibilmente saldi e positivi per entrambe le parti in causa. Questo lo deduciamo da una nuova intervista effettuata da Anna Downing, senior vice president of commercial publishing di SEGA of Europe, dove il dirigente rivela come l’azienda giapponese sia “molto felice” dei risultati ottenuti con Xbox Game Pass. Inoltre nella Casa del celebre porcospino blu sperano che “anche Microsoft sia soddisfatta“.

La Downing pone infatti l’accento sul rinnovato successo ottenuto dalla serie di Yakuza e di Two Point Hospital grazie all’inclusione nel servizio in abbonamento di Microsoft, cosa questa che ha permesso a milioni di fan di conoscere i titoli appartenenti a queste storiche serie di videogiochi che in occidente, soprattutto nel primo caso, non hanno ottenuto il successo invece raggiunto nella Terra del Sol Levante.

SEGA

Qui di seguito potete leggere alcune descrizioni del dirigente:

“Onestamente sì, siamo davvero felici dei risultati raggiunti e speriamo che anche Microsoft sia soddisfatta. Ultimamente l’azienda americana vuole giochi di qualità e noi vogliamo avvantaggiarci di questa grande opportunità che ci è stata offerta da loro. Prendiamo ad esempio la serie di Two Point Hospital, con il Game Pass che ha aiutato la saga a raggiungere i 3 milioni di giocatori nel mondo. Difatti non è certamente un mistero che uno dei grandi benefici che dona l’inclusione in Xbox Game Pass è proprio l’esposizione che ti offre verso l’utenza first-party, cosa questa che permette al titolo in questione di guadagnare fette di mercato altrimenti inarrivabili. Per noi tutto ciò non può che essere una cosa meravigliosa, con il pubblico che può far propri titoli che altrimenti non avrebbero provato se non fossero stati inclusi all’interno di Xbox Game Pass. Riguardo al futuro cosa accadrà? Beh, dipenderà ovviamente da ciò che chiederà il pubblico.”

Giunti a questo punto non possiamo che chiedervi la vostra opinione sul servizio in abbonamento di Microsoft e sulle dichiarazioni del dirigente di SEGA. Sfruttate i commenti qui sotto per farci sapere cosa ne pensate!