Game Experience
LIVE

Xbox + Bethesda Games Showcase Recap E3 2021

Il momento è finalmente arrivato, dopo tantissime speculazioni, rumors, speranze e congetture, Microsoft e Bethesda mettono il punto su quello che sarà il futuro del mondo dei videogiochi sulla grande X ed oltre. Quella di Xbox e Bethesda era sicuramente la conferenza più attesa dell’E3 2021, un E3 che per la seconda volta si svolge lontano dai palchi e dai teatri gremiti ma ci raggiunge a casa in un periodo ancora difficile.

Si inizia col botto, uno di quei botti che ci si aspetta a seguito di un classico “..and one more thing” alla fine di una conferenza, una “bomba” capace di scuotere il pubblico come già fatto con Elden Ring in apertura.


Dopo una breve fase di ringraziamenti e saluti, il mitico Tod Howard annuncia uno dei titoli più attesi degli ultimi anni, Starfield. Dopo un brevissimo teaser trailer con immagini in-game arriva anche una data 11 Novembre 2022, undici anni dopo The Elder’s Scrolls Skyrim, Bethesda è pronta a lanciarsi in un nuovo universo, questa volta oltre le stelle. Un reveal ufficiale fatto dunque di immagini in-game, una data e, cosa più importante: esclusività. Si perché Starfield sarà esclusiva console Xbox, una dichiarazione d’intenti che più chiara non si può, i titoli Bethesda saranno esclusivi. Lo si sapeva già da tempo, alcuni lo avevano intuito, altri ci speravano e altri ancora ci scherzavano su ma ora la certezza è più concreta che mai, Bethesda è de-facto uno sviluppatore Microsoft. Ah, ovviamente, il titolo sarà disponibile sul Game Pass al Day One.

Diradato il polverone iniziale alzato da Starfield si passa ad un approfondimento su Stalker 2: Heart of Chernobyl, un lunghissimo video gameplay ci ha permesso di ammirare la bellezza mozzafiato del titolo e, anche in questo caso abbiamo una data d’uscita: 28  Aprile 2022, anche questa volta disponibile sul gamepass al dayone.

STALKER-2-1

Si comincia dunque a delineare un 2022 davvero molto interessante, per Xbox con due tripla A importanti inseriti nel Game Pass che continua a confermarsi un servizio davvero incredibile, irrinunciabile per qualsiasi possessore di Xbox.

La conferenza Xbox + Bethesda prosegue dunque spedita, una carrellata di annunci uno dietro l’altro, tutto d’un fiato. Da Back 4 Blood si passa al gameplay di Battlefield 2042, l’attesissimo filmato in-game dello sparatutto in larga scala firmato DICE è finalmente arrivato mostrandosi in tutta la sua spettacolare devastazione. Battlefield 2042 ha tutte le carte in regola per diventare lo shooter dell’anno, le sezioni di gameplay hanno rivelato alcuni elementi di gameplay molto interessanti come la possibilità di richiamare veicoli direttamente sul campo di battaglia oppure la possibilità di usare un rampino per arrivare in posti altrimenti irraggiungibili. A dettar legge nei 3 minuti di gameplay mostrati abbiamo potuto ammirare un comparto grafico davvero eccezionale. Ritmo serratissimo e titoli importanti, l’apertura della conferenza Xbox + Bethesda è stata davvero una delle migliori mai viste negli ultimi anni. Tanti titoli, la maggior parte dei quali presenti su Game Pass sin dal Day One. Un velocissimo teaser trailer di Contraband, la nuova IP di Avalanche Studios e l’annuncio di una collaborazione tra Sea of Thieves e Disney con i Pirati dei Caraibi ha allentato un ritmo fisiologicamente impossibile da mantenere. L’estate di Xbox viene profilata dall’arrivo di Psychonauts 2 e Hades, entrambi in Agosto.

Xbox

Siamo a poco meno di metà conferenza quando arriva quella che possiamo definire la prima presentazione sotto tono. Tutti noi aspettavamo Halo Infinite, curiosi dei progressi fatti dalla disastrosa presentazione dello scorso anno. Il momento dedicato a Halo Infinite è stato gestito con una fretta innaturale, mostrando pochissimi frame dell’esperienza single player senza soffermarsi troppo sugli eventuali miglioramenti al titolo, un video più corposo è stato invece dedicato all’esperienza multiplayer che sarà free-to-play in uscita parallela con Halo: Infinite. A chiudere una presentazione piuttosto sotto-tono per non dire deludente vi è un criptico “Holiday 2021” che va ad inquadrare la finestra di lancio per la fine dell’anno ma non mette il punto certo sulla data di uscita. Una scelta sicuramente curiosa e poco convincente per quello che è un titolo già “stampato” sulle scatole di Xbox Series X da quasi un anno. L’impressione è quella che Microsoft, dopo la batosta presa durante il primo reveal, abbia paura, quasi vergogna, nello sbottonarsi nei confronti di Halo Infinite il che, detto molto francamente, ci preoccupa non poco.

Xbox

La seconda metà della conferenza Xbox + Bethesda ha risollevato gli animi, una presentazione di Far Cry 6 ci ha permesso di ammirare ancora una volta il titolo di Ubisoft in arrivo per Ottobre mentre qualche segmento di gameplay di Diablo 2 Resurrected ha segnato un grande ritorno di Blizzard all’E3, peccato che questo non sia stato assolutamente abbastanza. Diablo 2 Resurrected è sicuramente un titolo interessante per gli appassionati ma non può essere di certo considerato come uno dei prodotti di punta di Blizzard in questo momento.

Annunci su annunci, senza fermarsi mai è il turno di A Plague Tale Requiem, un vero e proprio reveal con tanto di uscita sul Game Pass ma previsto per un generico “2022”. L’ultima mezz’ora di conferenza è stata quella che ha segnato gli annunci più interessanti dopo il segmento inziale passando dal reveal di The Outer Worlds 2 in esclusiva console Xbox per il 2022 fino all’annuncio dell’attesissimo Forza Horizon 5.

Xbox



Forza Horizon 5 sarà ambientato in Messico come ampiamente predetto dai vari leakers, la presentazione del titolo di Playground Games è stata la più accurata e ricca di tutto l’evento con quasi 15 minuti dedicati esclusivamente al titolo. L’impatto grafico di Forza Horizon 5 è semplicemente fuori di testa, la sua uscita è prevista per l’8 Novembre 2021, andando così ad arricchire un anno altrimenti incredibilmente arido per le esclusive Xbox.

La conferenza si chiude con la presenza sul palco di Phil Spencer che, ricapitolando quanto visto in precedenza ci lascia con un ulteriore annuncio: Redfall. Sviluppato da Arkane Studios, RedFall è una nuova IP in esclusiva console Xbox, uno shooter cooperativo open world del quale non abbiamo troppe informazioni se non un lungo video di presentazione in CGI, l’arrivo del titolo è previsto per l’estate del 2022.

Xbox

Quella di Microsoft è stata una conferenza sicuramente interessante, la più ricca in termini di contenuti per quel che riguarda l’E3 2021 e sicuramente la più strutturata. Tanti annunci ed un ritmo serratissimo hanno permesso a Microsoft e Bethesda di delineare il futuro del gaming, anticipando un 2022 davvero ricco di esperienze. Tuttavia sono mancati quegli annunci “bomba” che tutti aspettano, fatta eccezione per Starfield e Forza Horizon 5, non abbiamo avuto quella sensazione di “reveal” e di stupore tipica dell’E3. Forse 90 minuti sono pochi per dare il giusto spazio alle cose, forse è mancata l’enfasi su alcuni titoli ma è chiaro che la conferenza Xbox + Bethesda poteva fare qualcosina in più. Completamente assenti i titoli presentati lo scorso anno, titoli come Avowed, Everwild, Forza Motorsport, Fable, Hellblade 2, tutti titoli sui quali non si ha alcun aggiornamento da tanto, troppo tempo e che probabilmente non vedranno la luce prima del 2023. In termini di E3, Microsoft non ha molti rivali e possiamo considerare quella di Xbox + Bethesda la conferenza più ricca finora sebbene l’assenza di Sony ad un evento del genere rappresenti una grossa agevolazione peri suoi competitor.

In conclusione, ho apprezzato la conferenza di Xbox + Bethesda ma non l’ho amata, non ho sentito quel sussulto e non sono stato pervaso dall’emozione se non per Stafield e Forza Horizon 5 che hanno tenuto banco per tutto l’evento. Il trattamento riservato ad Halo Infinite non è riuscito a rassicurarmi sullo stato attuale del titolo ma ci sarà tempo, e probabilmente anche un evento dedicato, per dare un’occhiata al titolo più da vicino nei prossimi mesi.

Articoli correlati

Alessandro Di Liberto

Alessandro Di Liberto

Cresciuto a pane, Pink Floyd e videogames, Alessandro è il tipo di videogiocatore che riuscirebbe a far spuntare notifiche di obiettivi e trofei anche su un Sega Master System. Non esiste nel continente persona più adatta a rivelarvi tutti i segreti dei vostri titoli preferiti. Assicuratevi solo di portare con voi dei calendari di ricambio nel caso in cui gli chiediate di provare giochi che presentano instabilità nel multiplayer, bug e glitch.

Condividi