Game Experience
LIVE

Turtle Beach Stealth 600 Gen 2 MAX – Recensione

Turtle Beach ripropone la gamma di curatissime cuffie da gaming, ammodernandole per la nuova generazione di console. Con un prezzo abbordabile rimasto invariato dalla versione precedente, le Turtle Beach Stealth 600 Gen 2 MAX hanno risolto i vecchi problemi di firmware da aggiornare, e continuano a rivelarsi un’ottima scelta per chi vuole un buon audio, un ottimo microfono e niente cavi in mezzo.

Wireless senza ritardi

cuffie-turtle-beach-Stealth-600-Gen-2-MAX-recensione

Se siete abbastanza fortunati da avere più di una console nella vostra configurazione, e forse un PC da gamer, probabilmente avete familiarità con la frustrazione degli accessori che non funzionano su più piattaforme. Questa mancanza di compatibilità è comune nel mondo dei controller e dei caricabatterie, ma è anche diffusa nelle cuffie da gioco. Fortunatamente, Turtle Beach ha visto lontano, con le sue Stealth 600 Gen 2 MAX che si uniscono al pool relativamente piccolo di opzioni che possono funzionare senza troppi disagi attraverso diverse piattaforme. Si tratta di una cuffia di punta che merita la vostra considerazione, e anche quella del vostro portafogli. Difatti, gestibili con un interruttore sul trasmettitore compreso nella scatola, le Stealth 600 Gen 2 MAX sono compatibili in modalità Xbox con Xbox Series X/S, Xbox One X e Xbox One S, in modalità wireless con le console PS5, PS4, PS4 Pro e con Nintendo Switch e PC. Completamente in plastica, con un peso nella media rispetto alle precedenti versioni e cuscinetti in schiuma, le Turtle Beach Stealth 600 Gen 2 MAX si adattano bene alla conformazione di ogni orecchio e sono ottimizzate per dare massimo sollievo a chi porta gli occhiali. I padiglioni da 50mm sono rivestiti con cuscinetti ProSpecs in tessuto traforato, ottimi per lunghe sessioni di gioco in ogni clima, specialmente in quelli particolarmente caldi.

Turtle Beach Stealth 600 Gen 2 MAX, cuffie per un’audio di sostanza

L’ audio in gioco è surround, nitido e ben bilanciato con bassi definiti; può essere impostato tramite il pulsante MODE in 4 modalità: predefinito, potenziamento bassi, potenziamento bassi ed alti , potenziamento chat vocale. Le Turtle Beach Stealth 600 Gen 2 MAX non si perdono in fronzoli, si ha tutto il necessario per giocare bene con una spesa relativamente contenuta.
Il microfono è posizionato nella parte sinistra e permette di sostenere una chat dalla qualità cristallina. Per la massima comodità di chi le indossa, il microfono delle Turtle Beach Stealth 600 Gen 2 MAX è un flip-to-mute, ovvero retrattile con due posizioni: completamente aperto per la chat vocale, parzialmente chiuso per attivare la funzione mute, di cui le cuffie ci avviseranno con un segnale acustico.

Gestione comandi e ricarica

cuffie-turtle-beach-Stealth-600-Gen-2-MAX-rev

Nelle Turtle Beach Stealth 600 Gen 2 MAX i comandi sono tutti sulla sinistra e facilmente raggiungibili con un tocco. L’unica problematica rilevante potrebbe svelarsi nelle sezioni di gioco più concitate, constatando la dimensione dei tasti relativamente piccoli e vicini tra loro. A parte questo, il punto di forza delle Turtle Beach Stealth 600 Gen 2 MAX è avere i controlli di gioco e la chat vocale separati, permettendo di trovare il set up ideale a qualsiasi gioco, in coop, PvP o da soli – disponendo anche di funzioni come il Superhuman Hearing, che permette al giocatore di rilevare rumori fondamentali come i passi dei nemici e la ricarica delle armi.
Sulle Turtle Beach Stealth 600 Gen 2 MAX l’ingresso C è dedicato all’aggiornamento dei firmware, da fare su PC tramite il programma dedicato prelevabile dal sito Turtle Beach, e alla ricarica – che può tranquillamente riportare l’autonomia da zero a otto ore in soli 15 minuti. L’autonomia della batteria di ben oltre 48 ore permette inoltre lunghissime sessioni di gioco senza complessi o necessità di pause.

Stealth 600

Articoli correlati

Erika Berselli

Erika Berselli

Giocatrice di ruolo e videogiocatorice vorace. Le piace sparire dal vivo quanto fare il ladro o muoversi nello stealth. Amante degli horror (nonostante poi non ci dorma per sua stessa ammissione) e dei gdr.

Condividi