Game Experience
LIVE

Starfield è stato rinviato per non replicare quanto visto con Cyberpunk 2077?

Ne discute in rete Jason Schreier.

Pochi minuti fa Bethesda Studios ha annunciato il rinvio ufficiale al 2023 sia di Starfield che di Redfall, titoli che quindi non approderanno più in esclusiva su Xbox Series X|S e PC nel corso di questo 2022 ma che lo faranno nei primi mesi del prossimo anno.

Ed in seguito a questo annuncio ufficiale ecco che è intervenuto nella questione anche Jason Schreier, giornalista di Bloomberg ritenuto decisamente attendibile ed affidabile, che ha affermato attraverso un nuovo tweet di aver saputo da alcune sue fonti come gli sviluppatori fossero decisamente preoccupati di replicare quanto fatto da CD Projekt RED.

Stando a Jason Schreier lo stato di sviluppo di Starfield destava non poca preoccupazione agli sviluppatori

Stando alle sue dichiarazioni infatti in quel di Bethesda Studios temevano di immettere sul mercato Starfield in una versione di sviluppo ancora acerba, contraddistinta quindi da tutta una serie di problemi tecnici importanti, dovendo quindi subire un gran quantitativo di critiche da parte del pubblico, proprio come accaduto con il team di sviluppo polacco a causa del suo Cyberpunk 2077.

Qui di seguito trovate il cinguettio del buon Jason Schreier:

“La scorsa primavera prima dell’E3, ho parlato con alcune persone al lavoro su Starfield che erano estremamente preoccupate sul riuscire a completare i lavori per la data dell’11 novembre 2022 in base ai progressi che avevano fatto fino a quel momento. Il “prossimo Cyberpunk” era il termine che fluttuava”

A questo punto vi ricordiamo che Starfield approderà in esclusiva su console Xbox Series X, Xbox Series S e PC nel corso dei primi mesi del 2023.

Starfield
Fonte: Twitter

Articoli correlati

Alberto Rossi

Alberto Rossi

Videogioco praticamente da sempre, con il desiderio inesauribile di vivere fantastiche avventure in mondi affascinanti, potendo in questo modo assaporare quella splendida sensazione di libertà che mi è stata preclusa nella vita reale. E poi diciamocelo chiaramente: videogiocare su una sedia a rotelle è decisamente comodo!

Condividi