Il gioco di carte di Bethesda ispirato all’universo di The Elder Scrolls continua, inarrestabile, la sua scalata al successo. Dopo averci accompagnato nella follia delle Shivering Isles, Bethesda rincara la dose con una nuova espansione ricca di novità ed una roadmap per il 2019 davvero ricca di contenuti ed eventi.

The Elder Scrolls: Legends ha aperto il 2019 con l’ottima espansione Isle of madness”  che, grazie alle sue novità, ha portato una ventata d’aria fresca mescolando le carte in tavola. I ragazzi di Sparkypants hanno però deciso che una campagna sostanziosa e ricca di contenuti non era abbastanza e dunque rincarano la dose con una nuova espansione. Guerra delle alleanze non porta con se una campagna come il suo predecessore ma arricchisce il titolo con più di 100 nuove carte, nuove meccaniche e nuove fazioni. A giudicare dalla roadmap che troverete in calce all’articolo, il 2019 si prospetta come un anno ricco di sorprese per The Elder Scrolls: Legends che, destreggiandosi tra eSport e contenuti, saprà continuare ad intrattenerci con il suo modello di gioco decisamente fuori dal comune e con la sua lore ricca di sorprese.

Rilasciata pubblicamente il 15 Aprile, Guerra delle Alleanze introduce, come già accennato, più di cento nuove carte che andranno ad introdurre le cinque nuove fazioni introdotte all’interno del titolo. Una guerra al meta che sarà decisa dai pro-players e dalla community sulla quale è davvero difficile sbilanciarsi. Con la nuova espansione faranno il loro ingresso all’interno del titolo le fazioni costituite da 3 colori che, come una moderna Ravnica, abbracciano un concetto più variegato di gioco grazie anche alle quattro nuove meccaniche messe a disposizione.

Potremo dunque scegliere se assemblare un mazzo scegliendo Il Regno degli Aldmeri, basati su intelligenza, volontà ed agilità, sfruttando la mobilità, ovvero la possibilità di giocare un oggetto in una zona vuota evocando così una recluta alla quale equipaggiarlo. L’impero di Cyrodiil basa la sua strategia su volontà, agilità e resistenza sfruttando così la nuova abilità potenziamento che altro non è che una rivisitazione di annientamento di Heartstone. Se non siete ancora soddisfatti potrete lanciarvi in battaglia giocanto il Patto di Ebonhearth con una visione di gioco basata su agilità, resistenza e forza che spingono il giocatore a sfruttare la nuova abilità definita “specialità” che incentiva il gioco compulsivo di più carte nello stesso turno per garantire dei bonus al giocatore. L’alleanza di Daggerfall e Le Gilde Unite chiudono l’arco delle novità insieme all’abilità Veterano che potenzia le creature che sfruttano tale meccanica nel momento in cui entrano in battaglia.

Le novità in arrivo nel 2019 su The Elder Scrolls: Legends sembrano dunque voler confermare il duro lavoro dei ragazzi di Sparkypants che, rivisitando anche il tavolo da gioco ed alcuni effetti, conferiscono un’identità più marcata al titolo. I contenuti previsti per il 2019 si allargano dunque fino a quattro espansioni rilasciate nel corso dell’anno che, una per stagione, andranno a scandire gli eventi PvP stagionali. Già in estate è previsto un nuovo tavolo da gioco ed una nuova espansione contenente nuove meccaniche e funzioni mentre le restanti due restano ancora nell’ombra. The Elder Scrolls: Legends combatte dunque spalla a spalla con i Top Players del settore, competendo con Magic, Heartstone e Gwent. Quello dei giochi di carte è un genere estremamente severo e popolato all’interno del quale la componente sorpresa può fare la differenza tra un gioco di successo ed un gioco dimenticato. The Elder Scrolls: Legends ha saputo giocare piegando le regole del card game più classico, introducendo zone, effetti e funzioni completamente nuovi, rendendo così il titolo diverso dal marasma di giochi di carte. Aiutato poi dall’incredibile taglio artistico di The Elder Scrolls che, grazie ad Artwork e storie ambientate nell’universo fantasy di Bethesda riescono a condurre il giocatore per terre già conosciute ed amate all’interno dei titoli più celebri della saga. Non ci resta dunque che attendere ulteriori novità sui contenuti in arrivo per il titolo. Tra l’isola della follia e guerra delle alleanze si contano comunque quasi 200 nuove carte rilasciate nell’arco di quattro mesi, un lavoro di bilanciamento davvero incredibile per un gioco che, a dispetto della mole di contenuti, riesce a restare competitivo.

Commenti