Game Experience
LIVE

POCO X4 GT Recensione

Ben ritrovati in una nuova recensione hardware con il POCO X4 GT!
Come da titolo, POCO ci ha inviato con un gradevole anticipo, una novità in uscita il 4 Luglio 2022. Da bravi recensori quali siamo, non ci siamo limitati ad una prosa della scheda tecnica come molte altre fonti di informazione ma lo abbiamo provato qualche giorno nella maniera più completa possibile per poter dare poi una giusta valutazione.
Se cercate poi i dati tecnici, li troverete in calce a questa recensione ma vi consigliamo vivamente di leggere anche il nostro parere. Sembrerà banale ma molte considerazioni non le si possono fare semplicemente guardando i numeri.
Addentriamoci subito nei vari dettagli perché c’è molto di cui parlare.

POCO X4 GT Impugnato

Prestazioni da Flagship

Se dovessimo paragonare questo smartphone ad un videogioco, lo metteremmo direttamente nella categoria dei Tripla A. A livello tecnico, ci siamo ritrovati con un “mostro”. POCO per prima ha progettato e realizzato X4 GT con l’obiettivo di mettere in mano ai suoi utenti un modello fatto appositamente per il Gaming spinto ma senza dimenticare per strada dettagli altrettanto importanti per uno smartphone.
Sotto la scocca (o sotto il bellissimo schermo LCD) ci sono un Chipset MediaTek Dimensity 8100 e un processore realizzato con tecnologia a 5nm. Per i più avvezzi non serve andare oltre ma per chi non conosce in maniera maniacale l’ambito, vuol dire un avanzato cuore che gestisce l’intero dispositivo garantendo prestazioni mai viste su smartphone della stessa fascia di prezzo (poi arriviamo anche alla questione prezzi).
Per fare i fichi (i frutti ovviamente) il POCO X4 GT monta al suo interno delle Ram LPDDR5 e ROM UFS 3.1 di livello Flagship. Tante sigle e numeri che si traducono in: Il dispositivo POCO più veloce per Ram e Storage. Lo abbiamo notato durante l’uso quotidiano e anche intensivo in questi giorni. L’installazione e gli aggiornamenti delle app (e relative rimozioni di app) avvengono in un lampo che quasi viene il dubbio che l’operazione sia andata a buon fine.

Chipset POCO X4 GT

POCO X4 GT: Dati tecnici. Non serve, grazie.

Ovviamente qualche numero e sigla ci deve essere per comprendere appieno il POCO X4 GT ma è anche vero che la prova con mano ha rivelato in modo piacevole la maggior parte delle caratteristiche alle quali POCO tiene particolarmente.
La prima che salta all’occhio, per forza di cose, è lo schermo. Quasi come un monitor 21:9 e con una risoluzione 2460×1080, i 6.6” di dimensione sono perfetti per l’intrattenimento visivo. I colori sono brillanti e i contrasti molto netti. Merito dell’LCD True Display di POCO. Un milione di colori (o forse di più) vengono esposti alla nostra vista in modo adattivo e automatico in base alla condizione di luce nella quale ci troviamo. Questo sistema che modifica sia la luminosità che la temperatura dei colori in maniera fluida, ci ha stupiti e compiaciuti. Per quelli ai quali piacciono le statistiche, sappiate che con questo sistema lo schermo emette il 30% in meno di luce blu, salvaguardando un po’ di più la salute degli occhi dell’utilizzatore. Seguendo la scia della fluidità, non poteva mancare un refresh rate dello schermo fino a 144Hz. Una frequenza di aggiornamento dell’immagine sopra la norma che però si adatta automaticamente in base alla necessità o alla fonte video con 7 stadi totali. Qui si capisce ancora di più quanto la casa madre abbia messo il proprio focus sul comparto entertainment di questo modello.
Impressionante e decisamente ben voluta è la certificazione Dolby Vision e Dolby Atmos, grazie al suddetto schermo e alle due casse opposte che lavorano egregiamente. Film e video sono uno spettacolo da ammirare da questo smartphone. Quasi dispiace mettersi le cuffie. Quindi cercate di non abusare di tale peculiarità, se non si vuole disturbare.
Cos’altro ci riserva questo modello? Fate solo conto che dopo un’ora di gioco con il dettaglio al massimo con il nuovo Diablo Immortal, la batteria ci segnava l’85% rimanente, dal 100% iniziale. Prestazioni senza compromessi solitamente si associano a telefoni roventi tra le mani. Questo non accade grazie al sistema di raffreddamento LiquidCool Tecnology 2.0 (il nome dovrebbe rendere egregiamente la sua funzione e tipologia).
Ritornando al discorso batteria, POCO ha dotato il suo X4 GT di una batteria ad alta densità da 5080mAh. L’efficienza del processore, le alte temperature tenute a bada e una batteria decisamente sovradimensionata, permettono a questo prodotto un’autonomia davvero notevole. La regia ci comunica 36 ore di chiamate e 22 ore di riproduzione video. In game ovviamente dipende da cosa si sta giocando.

POCO x4 GT batteria

Da grandi prestazioni, derivano…

La mission di POCO è quello di dare il massimo delle prestazioni per il giusto prezzo. Obiettivo centrato in pieno, dopo la nostra approfondita prova, con l’aggiunta di un apprezzamento per l’equilibrio trovato in questo specifico modello.
Ovviamente il comparto fotografico non è stato tralasciato. Tre generose fotocamere prendono il retro dello smartphone, sporgendo leggermente. La principale da 64MP, un Ultragrandangolare da 8MP e macro da 2MP. Frontale da 16MP.
Ci sono piaciute molto le modalità integrate nell’app della Fotocamera. Dopo un breve download, avremo sempre a portata di dito alcune modalità dedicate per i Vlog e per effetti di scatto carini e facili da realizzare come un multiscatto in una singola foto o micro video con effetto sdoppiamento (fino a 4-5 doppioni). La modalità di scatto notturno funziona discretamente, mentre ci aspettavamo anche la possibilità di fare scatti Stellari (letteralmente al cielo stellato).
Dettagli che non vi dicono le schede tecniche sono nel POCO X4 GT molto particolari. Tra questi ci è piaciuto molto il dispositivo di vibrazione chiamato X-axis linear motor. Molto reattivo e capace di trasmettere sensazioni al pari dei joycon Nintendo (come il controller di PS5 ma Nintendo ci era arrivata prima). La vibrazione stessa viene usata anche per emettere alcuni suoni come quando si digita sulla tastiera o per altre funzioni. Tutto con una nuova e piacevole sensazione.
Buoni i materiali di realizzazione senza lode né infamia, anche se abbastanza scivoloso se non si usa una cover adeguata. Tenerlo inclinato per guardarsi un video è praticamente impossibile senza un supporto esterno.

POCO X4 GT blu

In conclusione

Il POCO X4 GT soddisfa e supera senza difficoltà le esigenze di qualsiasi gamer su mobile. Giochi energivori e veloci come Apex Legends, COD Mobile e via dicendo, girano con una fluidità alla quale non si può più rinunciare, segnando, a tutti gli effetti, un nuovo standard per il gaming portatile. Video e Film sono visivamente meravigliosi da fruire, con un audio Dolby degno di nota. Con giga batteria integrata, qualsiasi sia l’utilizzo che ne farete, difficilmente resterete a secco. Mal che vada si ricarica al 100% in 46 minuti.
Si intuisce a più riprese l’ambito di utilizzo per il quale è stato progettato e realizzato. Eventuali mancanze, come un led di notifica, o la ricarica wireless, sono sicuramente conseguenze ponderate per mantenere il prezzo finale competitivo e giustificato delle sue caratteristiche.

POCO X4 GT sarà disponibile in tre colori: Silver, Black, Blue e in due varianti acquistabili su po.co e Amazon dal 4 luglio:
8GB+128GB: prezzo consigliato €379,90
8GB+256GB: prezzo consigliato €429,90

POCO X4 GT
La versione 6GB +128GB, per 5 giorni su po.co e Amazon, a partire dalle ore 13.00 del 4 luglio fino alle 12.59 del 9 luglio, sarà venduto a €299,90.
La versione 8GB +256GB, per 5 giorni su po.co e Amazon, a partire dalle ore 13.00 del 4 luglio fino alle 12.59 del 9 luglio, sarà venduto a €349,90.

POCO ha inoltre messo a disposizione un servizio post vendita premium che offre riparazione gratuita dello schermo nei primi 6 mesi dall’acquisto.

Le specifiche tecniche le trovate direttamente nella pagina ufficiale.

 

Articoli correlati

Samuele Lovato

Samuele Lovato

L'incarnazione del termine Nerd. Nintendo dipendente ed enthusiast PC gamer. Son cresciuto a Pokemon e Dragonball ma non rivango il passato. Ci sono sempre novità e innovazioni da esplorare e provare.

Condividi