Game Experience
LIVE

Scheda grafica surriscaldata? Giocatore trova un guanto dentro la sua RTX 3090

L'errore risale alla catena di montaggio di NVidia

Il problema del surriscaldamento della scheda grafica non è raro per i giocatori PC e a volte, la causa dietro di essi è dovuta a pad termici di bassa qualità. Ma per un giocatore e la sua scheda NVIDIA GeForce RTX 3090 Founders Edition, il problema era un po’ più strano del previsto.

L’utente in questione, che si fa chiamare antonyjeweet, ha postato una foto del suo problema di “surriscaldamento” con la sua scheda grafica RTX 3090 FE su Reddit, dopo aver rimosso il rivestimento di raffreddamento della scheda. Il colpevole? Un guanto da dita, tipicamente usato dagli operai della fabbrica per impedire loro di lasciare impronte digitali sul PCB, durante le prove di assemblaggio.

In particolare, l’immagine mostra il materiale in lattice inserito tra il dissipatore di calore e due moduli di memoria, che secondo antonyjeweet ha fatto salire la temperatura della scheda fino a 110°C. Naturalmente, dopo aver rimosso la materia incriminata e aver applicato i pad termici adeguati sopra i moduli, il giocatore ha detto che le temperature complessive del carico hanno raggiunto al massimo gli 86°C.

Nvidia inizialmente ha rifiutato di rispettare la garanzia della scheda perché antonyjeweet aveva smontato la GPU. Tuttavia, dopo aver scoperto che qualcuno nella catena di assemblaggio della Founders Edition aveva lasciato la piccola sorpresa di plastica, hanno accettato di aiutare antonyjeweet.

“Nvidia mi ha detto che all’inizio ho perso la garanzia. Ma dopo aver visto quello che ho trovato hanno detto che me la daranno (l’ho ricevuto per posta). Nessuno scambio o altro. Se funziona bene tienilo, altrimenti contattaci e lo sistemeremo”

Se vi state chiedendo come una cosa del genere possa accadere, la vera risposta è che c’è una carenza globale di chip. I clienti di solito non si preoccupano troppo del come e del perché, solo che ottengono la fornitura delle loro nuove console flash, CPU, GPU e tutto il resto il più presto possibile. Quella pressione e quella domanda schiacciante spesso si traduce in condizioni paralizzanti per chi lavora in fabbrica. Una fabbrica in Vietnam che fa parte della catena di approvvigionamento di Samsung e Apple per esempio, ha circa 150.000 lavoratori che vivono in fabbrica a tempo pieno, mentre un altro importante produttore di semiconduttori taiwanese ha costretto alcuni membri del personale a tornare in alloggi condivisi nonostante l’intensità dell’ondata COVID di quel paese.

Fonte: Kotaku

Articoli correlati

Oskar Heise

Oskar Heise

Amante di esperienze Singleplayer, indipendentemente dal genere di appartenenza. Quando sono stanco, faccio riposare l'anima sedendomi affianco a falò provenienti dal Giappone o cerco di non classificarmi ultimo in una partita online. Allergico a qualsiasi forma di console war.

Condividi