PLAYSTATION

Returnal analizzato da Digital Foundry, ecco il verdetto

Come se la caverà a livello tecnico il nuovo titolo di Housemarque

La nuova esclusiva PlayStation 5 che risponde al nome di Returnal è ufficilamente disponibile da oggi, e dopo un’eccellente accoglienza da parte della stampa di settore, arriva oggi anche una prima analisi da parte di Digital Foundry il quale ha messo a ferro e fuoco il nuovo gioco di Housemarque.

returnal

Il gioco si presenta in maniera eccellente sulla nuova ammiraglia Sony, il quale spinge a dovere la GPU dedicata della console che dispone di ben 10.28 TerFlops.

L’impatto grafico di Returnal viene elogiato a più riprese dal team di analisi tecniche, anche snocciolando il tutto scopriamo che la risoluzione nativa del titolo è di “soli”1080p, il tutto poi ricostruito a 1440p con picci di 2160p tramite checkerboarding. Stiamo parlando di un risultato finale ben lontano dal vero 4K, (dinamico o meno), tuttavia nel complesso la qualità visiva risulta comunque essere davvero notevole, considerando che il gioco riesce a mantenere in modo egregio i 60 FPS seppur sono stati evidenziati alcuni cali fino a 50 FPS quando vengono usati molti effetti particellari.

Grande assente invece il ray tracing il quale non è minimamente implementato per creare effetti visivi anche se lo troviamo presente in alcune situazioni dove viene sfruttato per accelerare le query dell’illuminazione globale.

Questo sistema spiega Digital Foundry è simile a quello usato da Nvidia con il suo RTXGI e presente su Unreal Engine 4, motore utlizzato per lo sviluppo del gioco. Alcune librerie del ray tracing sono anche state usate per potenziare il sistema di audio 3D di Returnal su PS5. Ottimo implemento invece delle funzioni Dualsense che danno al gioco una vera marcia in più, sfruttando a pieno le nuove tecnologie implementate da Sony.

Vi ricordiamo che Returnal è disponibile da oggi 30 Aprile un esclusiva per PlayStation 5. Avete letto l’accoglienza riservata dalla stampa al gioco?