Game Experience
LIVE

Resident Evil 4 Remake, l’attore di Wesker svela l’esistenza del gioco con un artwork

L'attore ha anticipato l'annuncio ufficiale del gioco.

Chi segue con una certa insistenza il mondo dei videogiochi non può che essere a conoscenza dei tanti rumor che, nei mesi scorsi, hanno invaso il web riguardo l’esistenza di Resident Evil 4 Remake. Stando a queste nuove indiscrezioni, Capcom sarebbe ormai pronto ad annunciare la nuova versione del quarto capitolo della serie, arricchita dalle stesse migliorie tecniche che hanno contraddistinto Resident Evil 2 Remake ormai un paio di anni fa.

Come se non bastasse questo mare di chiacchiere, DC Douglas, l’attore che ha doppiato Albert Wesker nel franchise di Resident Evil, ha fatto trapelare in queste ore l’esistenza del remake di cui sopra pur sapendo di star violando l’NDA (accordo di non divulgazione) con Capcom.

L’attore ha infatti condiviso un artwork dedicato al buon Wesker con un suo contatto, chiedendogli però cortesemente di non condividerlo online per evitare di avere delle dure ripercussioni legali da parte di Capcom stessa, richiesta questa che però evidentemente non è stata per nulla rispettata.

A questo punto appare quindi palese come l’esistenza di Resident Evil 4 Remake sia confermata, con i fan che non devono fare altro che aspettare l’annuncio ufficiale da parte del publisher giapponese.
Intanto qui di seguito trovate l’artwork di cui vi abbiamo parlato in questo articolo, e che sta facendo rapidamente il giro del web in queste ore:

A questo punto appare sempre più probabile che l’annuncio di questo remake del quarto capitolo della serie possa essere annunciato nel corso dei The Game Awards 2021, evento condotto da Geoff Keighley che ricordiamo essere in programma nel corso della notte tra il 9 ed il 10 dicembre 2021 alle ore 2:00 di notte in Italia.

Fonte: Mp1st

Articoli correlati

Alberto Rossi

Alberto Rossi

Nasco Nintendaro grazie al Super Nintendo per poi subìre la seduzione d'altri lidi, con monoliti neri e croci verdi. Per fortuna che ancora una volta arrivò Navi a dirmi: "Ehy listen..."

Condividi