ARTICOLI

Recensione | Mario Kart 8 Deluxe

Cosa si può dire di una saga longeva e costellata di successi come Mario Kart? Nato come spin-off delle avventure di Mario e compagni nel 1992 su Super Nintendo/Super Famicom, questo singolare gioco di corse ha goduto di un successo persino superiore alle aspettative dei suoi creatori. Con l’evoluzione nel tempo, qualcosa è certamente cambiato ma non l’essenza di questa saga: divertimento per tutti e per molte ore, un gameplay appassionante sia per chi vuole passare una manciata di minuti sfrecciando su coloratissimi tracciati ricchi di dettagli, sia per chi desidera un’esperienza competitiva fatta di statistiche ed abilità affinate nel tempo. Dopo il grande successo di critica e pubblico riscosso da Mario Kart 8 su Wii U, l’edizione “definitiva” di questo gioco di corse si prepara ad approdare sulla neonata console Nintendo Switch e promette un’esperienza completa a 360 gradi.

HERE-WE-GO!

Partiamo subito da un discorso importantissimo per far comprendere bene il prodotto che abbiamo di fronte: Mario Kart 8 Deluxe di fatto è l’originale Mario Kart 8 portato su Nintendo Switch con alcuni piccoli miglioramenti a livello tecnico ed il “pacchetto completo” dei DLC originariamente rilasciati a pagamento per la versione Wii U. Si tratta dell’esperienza più completa che un appassionato di Mario Kart potrebbe sperare di trovarsi tra le mani, ma è comunque un titolo che di fatto rappresenta un porting. Ovviamente Nintendo non lascia nulla al caso, e si guarda bene dal portare un titolo da Wii U a Switch senza aggiungere nulla di particolare. Le basi sono rimaste più o meno le stesse, ma con alcune importanti aggiunte a livello di gameplay che potrebbero farsi sentire sia nel comparto single player sia più avanti nel competitivo multiplayer online o in locale. Viene introdotta per la prima volta la modalità Guida Assistita che permetterà ai neofiti di avvicinarsi al gioco con maggiore semplicità: di fatto l’attivazione di quest’opzione permette all’utilizzatore di non uscire mai di pista in nessun caso, con il veicolo che verrà respinto dai bordi del tracciato. Un vantaggio non da poco che potrebbe facilmente creare grossi problemi nel multiplayer competitivo, considerata l’estrema facilitazione che questa feature comporterebbe. Va comunque specificato che l’impossibilità di uscire di pista si tradurrebbe anche nell’impossibilità di utilizzare tutte le scorciatoie presenti fuori dai tracciati e sfruttabili di solito tramite l’uso di un Super Fungo. Per controbilanciare la modalità Guida Assistita, Mario Kart 8 Deluxe introduce per la prima volta il terzo livello di boost da derapata.

Per chi non avesse familiarità con questo concetto, è presto detto: se si preme (e tiene premuto) il tasto del salto all’inizio di una curva, il veicolo inizierà a sgommare modificando il proprio andamento ed iniziando a generare un gran numero di scintille prima di color azzurro e poi di color oro. Rilasciando il tasto del salto il mezzo beneficerà di un boost aggiuntivo utilissimo per distanziare i rivali: la tecnica, padroneggiata di solito da chi preferisce giocare in senso “agonistico”, si arricchisce di un terzo livello (di color viola) che comporterà un boost maggiore di maggior durata, posto che il giocatore riesca a tenere la curva per un tempo sufficientemente lungo. Il “terzo boost” riuscirà a contrastare efficacemente la facilitazione offerta dalla Guida Assistita? E’ troppo presto per dirlo, e come al solito l’esperienza diretta potrà dare una risposta definitiva a questa domanda.

CONTENUTI AGGIUNTIVI A GO-GO

La natura ibrida di Nintendo Switch permette di certo un approccio completamente nuovo al comparto multiplayer di Mario Kart 8 Deluxe. E’ possibile connettere più console (sia “dockate” che in versione mobile) per dare il via ad appassionanti sfide a più giocatori, rendendo il titolo molto più ampio rispetto al passato. In aggiunta alle caratteristiche classiche del titolo, sono state aggiunte alcune variazioni a livello di gameplay come il secondo slot oggetti, arrivato direttamente da Mario Kart: Double Dash!! per una sfida ancora maggiore. Va precisato che il principale difetto di questa serie da qualche anno a questa parte è rappresentato dalla “componente fortuna”: aggiungere un secondo slot oggetti non è esattamente la miglior soluzione per compensare a questa problematica che può sembrare divertente finchè ci si sfida con amici nel proprio salotto ma che può diventare davvero problematica se ci si butta sul competitivo online a punteggio. Perdere una corsa dominata per il 99% del tempo a causa di un guscio blu arrivato nel momento sbagliato non è molto piacevole, e non lo è nemmeno vedere i gusci rossi (un tempo assai meno potenti) diventare dei missili teleguidati che raggiungono il bersaglio sempre e comunque. Una bella novità sarebbe stata vedere gli oggetti più equilibrati in generale, così da favorire i giocatori migliori piuttosto che i più fortunati: è comunque possibile creare tornei e gare con limitazioni  agli oggetti, in modo da ridurre drasticamente l’impatto degli items sul risultato della corsa.

Molta carne al fuoco per quanto riguarda le modalità Battaglia, da sempre messe in secondo piano per quanto riguarda il settore più competitivo in favore delle più rilassanti sfide amichevoli nel proprio salotto. Ruba il Sole Custode, Guardie e Ladri, Acchiappamonete e Bob-ombe a Tappeto garantiscono una notevole longevità al comparto multiplayer per le battaglie in arena: magari non saranno mai delle vere “hit” nel competitivo duro e puro, ma certamente donano a Mario Kart 8 Deluxe una notevole marcia in più rispetto ai capitoli precedenti. Passando al comparto tecnico, si tratta come dicevamo di un porting della versione Wii U con alcuni sensibili miglioramenti grafici: 1080p e 60 fps sono garantiti ed il gioco si presenta molto bene sia nella modalità dockata che (soprattutto) nella modalità portatile con una pulizia grafica davvero piacevole a vedersi. Stesso discorso per il comparto sonoro, identico all’originale ma non per questo meno coinvolgente ed apprezzabile. In generale Mario Kart 8 Deluxe rappresenta di certo il “mario kart definitivo” per qualunque appassionato del gioco di corse made in Nintendo: con anche la modalità 200cc già sbloccata, le cose da fare non mancano. Chi ha già acquistato la versione Wii U (magari con tutti i DLC) potrebbe non essere convinto dell’acquisto, ma le possibilità multiplayer uniche offerte da Switch faranno certamente la loro parte nel decretare il successo di Mario Kart 8 Deluxe.

PRO:

  • Tecnicamente solido, colorato e sgargiante
  • Ricchissimo di contenuti e longevità garantita
  • Comparto multiplayer ai massimi storici con l’aiuto delle nuove funzioni di connettività

CONTRO:

  • La modalità Guida Assistita e l’auto acceleratore potrebbero creare problemi nelle sfide online
  • La pesante componente “fortuna” non è stata per nulla risolta