Game Experience
LIVE

Il prossimo Forza Motorsport avrà un nuovo sistema di sospensioni “super realistico”

Centro di rollio, anti-dive, anti-squat e propagazione dinamica della forza avranno un ruolo importanti in questo particolare sistema simulativo.

Il creative director di Forza Motorsport, Chris Esaki, è tornato a condurre il nuovo episodio in diretta streaming chiamato Forza Monthly, per discutere di quelli che saranno alcuni interessanti dettagli dedicati al prossimo capitolo della serie automobilistica.

Il direttore creativo ha spiegato che l’ottavo capitolo della serie vedrà tra le varie cose anche un nuovo modello di sospensioni, mentre nel corso della puntata di settembre aveva rivelato che il gioco avrebbe avuto una modalità multiplayer più profonda e autentica.

In questa nuova puntata, invece, Esaki ha ammesso di aver da sempre avuto una conoscenza a livello superficiale delle forze che entrano in gioco sulle sospensioni dei veicoli. Proprio per questo, nel corso dello scorso anno, Esaki si è lanciato in un vero e proprio viaggio di studio al fine di imparare di più sulla questione e in modo da poter comunicare meglio con il team di specialisti.

Lo sviluppatore ha menzionato quattro aspetti relativi alle sospensioni delle macchine che ha imparato nel corso di questa sua ricerca: centro di rollio, anti-dive, anti-squat e propagazione dinamica della forza. In modo particolare, Esaki si è concentrato nel descrivere il funzionamento della propagazione dinamica della forza: si tratta di come la forza viaggia dall’area di contatto del pneumatico, attraverso i collegamenti delle sospensioni e il telaio dell’auto (e viceversa).

forza-motorsport

Insomma, tutto un meccanismo realistico davvero molto difficile da implementare all’interno di un videogioco. Esaki ha spiegato che questa particolare funzionalità è attualmente “super realistica all’interno del prossimo Forza Motorsport.

Pur non entrando nel merito di questione legate al centro di rollio, all’anti-dive e all’anti-squat, possiamo presumere che avranno anche loro un posto di rilievo all’interno del videogioco simulativo di corse automobilistiche. Se il nuovo modello di sospensioni riesce a tener conto di tutti questi fattori, allora dovrebbe contribuire a realizzare una dei sistemi di guida più realistici e simulativi mai visti su un titolo per console.

Esaki ha concluso il discorso affermando che il team di sviluppo di Turn 10 ha fatto enormi progressi nel corso del 2021, molti dovuti anche al feedback ricevuto da parte dei giocatori. Tra l’altro, stiamo parlando del tempo di sviluppo più lungo in 16 anni di storia del franchise.

Qui sotto trovate l’intera puntata del Forza Monthly di dicembre!

Che ne pensate? Siete interessati a questo nuovo capitolo della serie targata Turn 10 e Xbox Game Studios?

Fonte: gtplanet.net

Articoli correlati

Simone Balboni

Simone Balboni

Sono soltanto un videogiocatore pieno di passione, ho in casa solo 14 console e 3 PC, ma nessuno di questi fa girare Quake Champions. Nel frattempo mi diletto su server competitivi alla ricerca di una buona Tripla Uccisione.

Condividi