Game Experience
LIVE

Le scoperte archeologiche più misteriose di tutti i tempi

Quando osserviamo alcune scoperte archeologiche dovremmo ricordare la creatività dei nostri antichi antenati, nonché ammirare la loro indiscussa magnificenza. Alcune di queste opere sono a dir poco interessanti e non possono fare altro che catturare lo sguardo di tutti coloro i quali hanno la fortuna di ammirarli.

Qui sotto segnaliamo 10 delle scoperte più misteriose di tutti i tempi.

1. La città perduta di Atlantide

Questa è la scoperta archeologica più misteriosa perché potremmo non sapere mai con certezza cosa sia stato effettivamente scoperto. Nel 360 aC Platone discusse della leggendaria Atlantide. La leggenda narra che Poseidone, il famoso dio del mare, abbia creato la misteriosa città. Oggi alcuni credono che fosse più grande di tutta l’Asia. I ricercatori affermano che uno tsunami potrebbe aver colpito la città nel decimo millennio a.C. e far affondare la sua città nell’oceano. L’archeologo Richard Freund pensa che la vera Atlantide sia stata sepolta nelle distese fangose ​​dell’Oceano Atlantico mentre altri pensano che fosse nel Mare del Nord. Ma la verità è ancora sconosciuta. In realtà, potremmo non saperlo mai.

2. Le Piramidi

Le piramidi egizie sono uniche e fanno parte delle antiche meraviglie del mondo. La costruzione delle prime piramidi iniziò intorno al 2700 aC. Erano principalmente tombe utilizzate per conservare i corpi dei reali sotto forma di mummie. La Grande Piramide di Giza è la più alta e antica del paese. Si erge a 481 piedi, comprende milioni di calcari e ci sono voluti quasi due decenni per costruirla. Le piramidi spesso contengono non solo corpi ben conservati, ma anche manufatti di valore e presentano anche bellissime incisioni e dipinti.

3. Stonehenge

A Salisbury, in Inghilterra, c’è un monumento preistorico di 5000 anni chiamato Stonehenge. È un raggruppamento specifico di pietre sia piccole che grandi. Costruttori neolitici lo costruirono tra il 3000 a.C. e il 2000 a.C. utilizzando pietre delle famose Colline Preseli che distano 150 miglia dal monumento. Le pietre sono alte fino a 30 piedi e pesano fino a 25 tonnellate. Il loro scopo rimane sconosciuto, ma è oggetto di molte speculazioni. Un tempo era utilizzato come luogo di sepoltura poiché vi furono sepolte 240 persone.

4. Statue Moai

Queste statue sono l’attrazione principale dell’isola di Pasqua. L’isola di Pasqua è un posto remoto e senza alberi nell’Oceano Pacifico sudorientale. Le statue sono state scolpite nella roccia vulcanica tra il 1300 e il 1500 d.C. da un antico gruppo di persone noto come Rapa Nui. Le 288 statue sono alte 13 piedi e pesano fino a 80 tonnellate. Riposano tutti su grandi piattaforme di pietra individuali. Le basi hanno una forma a “D” che permette di spostarle da un lato all’altro tramite funi.

5. Esercito di terracotta

Un gruppo di archeologi ha fatto una scoperta notevole a Xian, in Cina, nel 1974. Secondo quanto riferito, è stata la più grande scoperta di arte funeraria di sempre: l’esercito di terracotta. Migliaia di soldati di argilla sono stati scoperti sepolti vicino alla tomba del primo imperatore della Cina Qin Shi Huang. I soldati avevano lo scopo di proteggerlo da numerose forze opposte nell’aldilà. Si dice che la struttura abbia 2200 anni. C’erano anche una serie di armi diverse sepolte lì. Tutto era disposto in diversi corridoi di argilla. Ci sono un totale di quattro pozzi sotterranei principali. Tre includono soldati e armi. Il quarto è vuoto. Molte aree della tomba e del complesso rimangono inesplorate.

6. Gobekli Tepe

Questo è il sito archeologico più antico del mondo. Situato in Turchia, questo sito ricorderà a chiunque la sorprendente quantità di abilità artistiche che l’uomo aveva anche 11.000 anni fa. Gli uomini dell’età della pietra usarono per questa costruzione di pilastri di pietra calcarea che pesavano tra le 15 e le 22 tonnellate. Questi sono stati tagliati da enormi blocchi. La spedizione archeologica ha portato alla luce 200 grandi pilastri. Si pensa che la struttura fosse un tempio di un luogo di ritrovo comunale. Questa particolare scoperta ha anche aiutato gli scienziati nel loro specifico studio approfondito della rivoluzione neolitica.

7. Linee Nazca

Uno dei siti del patrimonio mondiale dell’UNESCO più popolari e conosciuti in Perù, le insolite formazioni di linee nel sud del Perù. Queste linee antiche hanno forme diverse tra cui rettangoli, vortici, trapezi, triangoli e vortici. Infatti, dall’alto, è possibile vedere 300 forme geometriche e anche 70 animali e piante. Nessuno sa a cosa servissero. Gli archeologi ritengono che siano state effettivamente creati dagli indiani di Nazca tra il 500 a.C. e il 700 d.C. Sono rimaste in gran parte intatte per oltre 2.000 anni.

8. Sacsayhuaman

La costruzione di questa antica struttura murata situata a Machu Picchu, in Perù, fu iniziata dall’imperatore Pachacuti nel 1440. Ci vollero più di 100 anni per completarla. Il muro è composto da numerosi tipi di rocce come andesite scura, calcari dello Yucay e blocchi di diorite. Il muro è lungo quasi 1.969 piedi e ha una struttura a zig-zag. Si dice che un singolo blocco dal muro pesi centinaia di tonnellate. Il muro un tempo proteggeva una torre e un tempio del sole.

9. Monte Owen Moa

Gli archeologi scoprirono l’artiglio di un uccello in una grotta in Nuova Zelanda nel 1986. L’artiglio ha tutt’ora muscoli e carne attaccati. Gli scienziati hanno successivamente confermato che il piede proveniva da un moa, un uccello senza ali ormai estinto più di 2000 anni prima della scoperta. Il moa era un grande uccello alto fino a 12 piedi e pesava fino a 552 libbre. I moa furono cacciati fino all’estinzione dall’uomo primitivo. Gli affilati artigli di moa sono attualmente in un museo in Nuova Zelanda.

10. Manoscritto Voynich

Questo è probabilmente il manoscritto più misterioso del mondo. Scoperto da un libraio polacco di nome Voynich, si ritiene sia stato scritto nell’Italia settentrionale nel XV secolo. La lingua e l’autore del documento rimangono sconosciuti. Restano tutt’ora 240 pagine intatte ma molte ne mancano. Un punto di particolare interesse riguarda i disegni di diverse piante erbacee. Fino a poco tempo, le piante non potevano nemmeno essere identificate. Oltre alla sezione sulle piante erboristiche, questo famoso documento contiene anche sezioni sui temi dell’astronomia, della biologia, della cosmologia e persino dei prodotti farmaceutici.

Continuate a seguirci per non perdervi altre notizie di questo tipo!

Fonte: Earthwonders

Articoli correlati

Redazione

Redazione

Game-Experience.it è il portale dedicato all’informazione videoludica e tecnologica a trecentosessanta gradi. I nostri valori fondamentali sono la trasparenza, l’oggettività e la cura nel dettaglio.

Condividi