NOTIZIE

Ken Kutaragi su PlayStation e Nintendo: Colleghe di lavoro più che rivali

Cosi il papà di PlayStation descrive i rapporti che correvano tra le due compagnie

Ken Kutaragi, storico e celebre padre di PlayStation, si è recentemente espresso sui rapporti che legano il marchio da lui partorito con Nintendo. Un rapporto che, benché molti lo ritengano concorrenziale, è, parole sue, di tutt’altra natura.

Lo ha svelato nel corso di una recente intervista, spiegando come si sia divertito a collaborare con Nintendo al tempo in cui, forse non tutti voi lo saprete, le due compagnie progettavano il lancio di una console che si sarebbe dovuta chiamare Nintendo PlayStation. Ciò avveniva prima che le due compagnie prendessero strade diverse e che nascesse la prima Sony PlayStation. Ken Kutaragi ritiene infatti che le due realtà nipponiche siano più simili a colleghe di lavoro che non dei rivali.

“Prima di PlayStation, lavorai a SuperFamicom con Nintendo e mi piaceva molto Mr. Uemara, nonché il suo team. Passavo spesso del tempo in loro compagnia. Dall’esterno, però, la gente credeva fossimo in competizione: non lo eravamo affatto. Mi domandavano continuamente ‘PlayStation è in competizione con SEGA e Nintendo?’, ma io non mi domandai mai chi fossero i nostri concorrenti perché eravamo tutti colleghi”

nintendo-playstation-prototipo

La storia ci giunge dal canale youtube Harada’s Bar, il locale aperto da Katsuhiro Harada (papà di Tekken) e dal quale tiene uno show proprio con Ken Kutaragi. Viene interessante scrivere un articolo del genere poiché veicola un messaggio che andrebbe soprattutto assimilato dai troppi, la fuori, che trattano il gaming con la mancanza di ragione e l’attitudine caratteristica dei bulli tipica delle peggiori curve da stadio. Il gaming non è console war, e chi nel gaming ci vede questo evidentemente deve ancora molto crescere e maturare prima di poter dire d’aver compreso cosa significhi il mondo dei videogiochi.

Con questa riflessione ben piantata nel cervello cerchiamo di ricordare, la prossima volta che ci viene da insultare la piattaforma di gioco scelta dal nostro interlocutore, o che qualcuno ci attacca in base a dove e come giochiamo, che si può essere superiori. Dopotutto, anche le stesse compagnie hanno smesso oramai da tempo di punzecchiarsi a suon di frecciatine, divenendo negli ultimi anni anzi molto prodighe di complimenti e sostegno reciproco.

A proposito di Nintendo: si continua a vociferare in rete riguardo la fantomatica Nintendo Switch Pro, mai annunciata ufficialmente ma sempre più ricca di dettagli e feature; quantomeno sulla bocca della rete.