Game Experience
LIVE

Halo Infinite avrà un supporto post-lancio di almeno tre anni?

Come ben sappiamo dall’esperienza di Halo 5: Guardians e da alcuni annunci di lavoro, anche Halo Infinite sarà improntato sullo stile dei videogiochi come servizio.

Ma questo cosa vuol dire? Semplicemente, gli sviluppatori continueranno a supportare il gioco nel suo periodo post-lancio con nuovi contenuti e aggiornamenti, aiutati in tal senso anche dale microtransazioni, che stavolta però non consisteranno in bottini casuali.

Inoltre, l’assunzione di una nuova figura professionale riconducibile a “Director of player voice”, farà si che si crei una profiqua comunicazione tra gli utenti e il team di sviluppatori.

Ebbene, quello che riporteremo oggi deriva invece dalle dichiarazioni stesse di Kiki Wolfkill di 343 Industries, la quale conferma un pesante supporto post-lancio del nuovo capitolo della serie di Microsoft, che potrebbe durare in modo decisamente consistente anche fino a tre anni.

La responsabile trans-media della software house ha infatti spiegato che che l’atteso sparatutto in prima persona “cambierà contenuti molto velocemente“, in quanto, sempre secondo lei, “non è concepibile al giorno d’oggi consegnare una scatola nera e farla durare per tre anni, mentre invece i titoli a cui giocano i ragazzini vedono numerosi contenuti e cambiamenti praticamente ogni settimana“.

Il riferimento era diretto con ogni probabilità a Fortnite e ciò ci fa capire come lo studio di sviluppo intenderà supportare il nuovo capitolo della saga dedicata a Master Chief.

D’altro canto, comunque sia, bisogna anche tenere bene a mente che, come affermano tanti giocatori e tante critiche da parte della stampa, la visione di un gioco come servizio potrebbe eventualmente legittimare gli sviluppatori a lanciare un titolo parzialmente incompleto da un punto di vista contenutistico, per sparlamare poi gli elementi di gioco nel corso dei mesi successivi.

Voi cosa ne pensate di queste dichiarazioni?

Ricordiamo che Halo Infinite sarà disponibile all’acquisto per le piattaforme Windows 10 e Xbox One, con supporto alla console di metà generazione Xbox One X e al programma Xbox Play Anywhere.

Il titolofantascientifico sarà disponibile già dal lancio anche all’interno del catalogo di Xbox Game Pass.

Articoli correlati

Simone Balboni

Simone Balboni

Sono soltanto un videogiocatore pieno di passione, ho in casa solo 14 console e 3 PC, ma nessuno di questi fa girare Quake Champions. Nel frattempo mi diletto su server competitivi alla ricerca di una buona Tripla Uccisione.

Condividi