Dopo il successo di Horizon:Zero Dawn, I Guerrilla Games mirano ad espandersi per poter finalmente pubblicare titoli nel giro di 2-3 anni. L’obiettivo è quello di crescere dai 250 dipendenti per arrivare ai 400 permanenti, come sottolineato anche su Twitter dallo Studio Art Director, Bart Van Beek.

L’idea è quella di rimanere in pianta stabile nel nuovo palazzo, così da non dover più cercare nuove sistemazioni e potersi concentrare esclusivamente sullo sviluppo di software. Il CEO di Guerrilla, Hermen Hulst, infatti ha spiegato:

“Guerrilla prenderà in affitto i cinque piani di uffici per un totale di 7.300 metri quadrati dall’inizio del prossimo anno. Uno spazio per crescere da tre o quattro anni, ma è davvero molto difficile in Amsterdam, la base di Guerrilla. Per dieci anni non dovremo più preoccuparci della nostra sistemazione, l’idea è che non dovremo mai più andare alla ricerca.”

Un obiettivo che porterà ad una maggiore produzione di lavoro e di titoli, con un occhio sempre al confronto con il passato, come descritto da Hulst:

“Attualmente in Guerrilla ci sono circa 250 sviluppatori con un contratto permanente, un numero che può raddoppiare durante le fasi finali dello sviluppo dei giochi. La compagnia vuole crescere arrivando ad almeno 400 impiegati permanenti. La crescita dovrebbe anche tradursi nell’uscita più ravvicinata di titoli di rilievo. Abbiamo lavorato a Horizon per 6,5 anni, un numero di anni eccezionale. Vogliamo pubblicare giochi in 2-3 anni, sia che si tratti di titoli nuovi che di altri basati su IP già esistenti”.

Una continua espansione per il team olandese, la quale potrebbe essere anche una conferma sui lavori per il seguito del pluripremiato Horizon: Zero Dawn. 

Se volete saperne di più sull’ultima fatica di Guerrilla, potete leggere qui la recensione di Horizon: Zero Dawn e del suo DLC a questo link.

Commenti