Game Experience
LIVE

Grandi progetti in cantiere per Amouranth

Nientemeno che un documentario e uno show direttamente da hot tub

Il nome di Kaitlyn Siragusa, meglio nota come Amouranth, è ben noto nel mondo del stream e soprattutto della piattaforma di Amazon, Twitch. L’avvenente ragazza, di cui nei mesi passati vi abbiamo già ampiamente parlato, come nell’articolo relativo ai vertiginosi guadagni mensili o, in quello relativo alla pioggia di molestie e non solo che l’hanno vista protagonista nel recente passato.

Ebbene oggi siamo qui per discutere del futuro professionale di Amouranth, che ha ben due grossi progetti in cantiere. Il primo è un documentario incentrato sulla propria vita, che si concentrerà sia sulla sua vita “sotto i riflettori”, e dunque durante le live stream, sia sulla sua vita lontana dalle telecamere. Il secondo progetto, invece, è uno show in diretta da hot tub.

A produrre il documentario su Amouranth sarà una grossa compagnia attiva nel settore dei media, tuttavia non è ancora noto il nome di questa azioenda. Anche sullo spettacolo hot tub la streamer ha mantenuto il massimo riserbo. Non è neppure noto se sarà trasmesso su Twitch o su altre piattaforme. “Dove troverò il tempo?”, si è chiesta Kaitlyn. Una bella domanda, visto quanto è impegnata la vita di quella che è oramai la più celebre streamer del mondo.

Per avere maggiori dettagli a riguardo dei due progetti non resta che attendere che la ragazza si scucia a riguardo, cosa che sicuramente farà a tempo debito. Nel recente passato Amouranth ha anche ricordato il suo debutto nel mondo delle stream, cominciato circa cinque anni fa, quando pubblicò la foto di un suo cosplay di Tracer in un epoca in cui, stando a quanto dichiara, non superava i 15.000 followers su tutti i suoi social sommati. Un cosplay, apprezzato anche da Jessica Nigri, che le permise di lanciare quella che oggi è la sua brillante carriera. E voi, che ne pensate?

Fonte: Twitter

Articoli correlati

Giovanni Carrieri

Giovanni Carrieri

Amante dei videogiochi sin dalla più tenera età ho trascorso la fanciullezza sulle console per poi passare, crescendo, al PC, mia attuale piattaforma di riferimento. Amo in particolar modo i giochi di ruolo e gli adventure, specie se open world e con una componente narrativa ben scritta e sceneggiata. Non disdegno il gioco multiplayer, sempre che la compagnia sia buona.

Condividi