Game Experience
LIVE

GPU e schede madri potrebbero subire dei rincari a causa della carenza di rame

La carenza di semiconduttori insieme a questa possibile carenza di rame potrebbe spingere le aziende ad aumentare il costo di GPU e componenti PC.

Seguendo le dichiarazioni di Lisa Su di AMD che ha affermato che la carenza di GPU potrebbe potenzialmente durare fino al 2022, nella giornata di ieri, diversi report hanno affermato che i prezzi di GPU e schede madri potrebbero aumentare a causa di una carenza di lamine di rame.

In mezzo alla carenza globale di microprocessori, che non si limita solo ai prezzi delle GPU, ma anche ai trasporti. I laminati rivestiti di rame o CCL sono utilizzati in GPU, schede madri e quasi tutti gli altri dispositivi elettronici a cui potreste pensare. A causa della fornitura limitata, è probabile che vedremo aumentare il costo del materiale dei laminati rivestiti in rame e il costo potrebbe essere semplicemente trasferito al consumatore, considerando di quanto sono già aumentati i prezzi GPU dopo la carenza di chip. Secondo un report, i costi dei laminati rivestiti in rame sono già aumentati di oltre il 35% nel quarto trimestre del 2020 e potrebbero potenzialmente avere un effetto a catena per praticamente tutto ciò che utilizza un PCB, comprese le schede madri e le schede grafiche a causa della complessità della quantità di rame che devono essere utilizzati in essi rispetto ad altri componenti che sono significativamente più piccoli in volume.

PC-Gaming GPU

Con il costo globale dei container che è aumentato per tutto il 2021 e non si è ancora stabilizzato del tutto, unito alla carenza di chip e ora oltre a questa carenza di componenti specifici, potremmo vedere un ulteriore aumento dei prezzi nel corso del 2022. Ciò significa che i prodotti specifici che potrebbero essere maggiormente colpiti sono quelli con margini più bassi e venduti a un tasso di esecuzione inferiore, che è il modo in cui i produttori monitorano quanto bene sta vendendo un prodotto. È abbastanza ovvio che presto le aziende non saranno in grado di sostenere tutti questi aumenti di prezzo che si verificano in tandem, e quindi il costo sarà invece finalmente trasferito al consumatore. Con un 2021 così turbolento, potremmo vedere molti produttori iniziare a trasferire i prezzi associati al consumatore. Quello che è sicuro è che costruire o migliorare il proprio PC da gaming continua ad essere un vero e proprio incubo in questo periodo.

Fonte: Tech Spot

Articoli correlati

Daniele Franco

Daniele Franco

Videogiocatore incallito, fin da piccolo, appassionato di qualsiasi genere, ma in particolare GDR ed Action Adventure. Gioco principalmente sulla piattaforma verde, ma amo e rispetto tutte le piattaforme e tutti i giocatori, le tifoserie non fanno per me, giocate e divertitevi, quello è l'importante.

Condividi