NOTIZIE

Google affronta una nuova causa antitrust sulle tariffe del Play Store

Questa nuova causa sembra essere un effetto del caso Epic contro Apple.

Mercoledì, una coalizione di procuratori generali dello stato ha avviato una nuova causa antitrust contro Google, accusando il gigante delle ricerche di aver abusato del suo controllo sull’app store Android, come riportato da Bloomberg.

La causa, intentata da 36 stati negli USA e Washington presso la corte federale della California, sfida la politica di Google che obbliga gli sviluppatori di app di Google Play a pagare una commissione del 30% sulle vendite effettuate tramite l’app. Google ha recentemente ampliato le tariffe per coprire più beni digitali acquistati sul Play Store, prendendo di mira in particolare una serie di app importanti che in precedenza erano state in grado di eludere la tassa. La denuncia completa elenca gli imputati come Google, Alphabet e altre sussidiarie in Irlanda e in Asia.

Google

“È strano che un gruppo di procuratori generali dello stato abbia scelto di intentare una causa attaccando un sistema che offre maggiore apertura e scelta rispetto ad altri”, ha scritto Google in un post sul blog in risposta alla causa. “Questa denuncia imita una causa altrettanto infondata intentata dal grande sviluppatore di app Epic Games, che ha beneficiato dell’apertura di Android distribuendo la sua app Fortnite al di fuori di Google Play.”

Ad agosto, lo sviluppatore di FortniteEpic Games ha fatto causa a Google per motivi simili , sostenendo che le pratiche dell’azienda hanno aumentato i prezzi per i consumatori online, sebbene la causa sia stata ampiamente messa in ombra dal caso parallelo di Epic contro Apple e il suo App Store. La causa arriva tra le crescenti pressioni federali sull’azienda di Mountain View, che sta già affrontando tre cause antitrust federali, tra cui un caso in corso del Dipartimento di Giustizia che accusa la società di pratiche monopolistiche nella pubblicità di ricerche.

Google

Android è stato generalmente visto come una minaccia antitrust minore rispetto a iOS di Apple, poiché non richiede Google Play come unica fonte di software sul telefono. Tuttavia, la crescente pressione su Apple ha anche messo in discussione molti aspetti della struttura tariffaria del Play Store.